i sassolini nella scarpa


i sassolini nella scarpa

Pubblicità

Pubblicità
 

i sassolini nella scarpa

Messaggioda meccia » mer gen 09, 2008 10:30 pm

per avallare il fatto che il forum di macugnaga(l'articolo e' d'obbligo)sia la piazza virtuale dell'incontro di pareri,discussioni e proposte per la rivalutazione del borgo;ecco un nuovo topic finalizzato ad evidenziare cio' che non va fatto per il risanamento.naturalmente i sassolini ,come gli oscars, sono meri pareri soggettivi e NON vogliono in nessun modo polemizzare con NESSUNO ma semplicemente capire ,discutere ed essere una sorta di customer satisfaction per migliorare ,come sempre, il dialogo tra domanda ed offerta.
ed ecco che mi tolgo questo sassolino dalla scarpa:
lo scorso agosto ho visto piazzate le ruspe sotto la nuova variante rifugio,e convinto che fossero lì per ultimare la ruono ho iniziato la stagione sciistica ottimista,ma purtroppo non e' stata mossa una pietra .da vox populi ho saputo ,poi che sono stati appaltati i lavori di risistemazione della moro-bil ma con mille limiti.da ultimo so di certe polemiche per la creazione del ponticello sull'anza per il congiungimento della pista di fondo con pecetto.........ora : la preservazione ambientale e' importante . ma un conto e' un opera faraonica come il w.e. ed un altro sono quattro assi sul torrente in magra ,o venti pini abbattuti ed il livellamento dei terreni per creare una pista che si possa definire tale.lo scempio ambientale e' un altra cosa ed il microhabbitat del gallinellaalpinaossolanadallacodaverde c'e' sulla pista del moro come 100mt piu' in la' .quando viene chiesta collaborazione da parte di tutti per ridare un futuro a macugnaga si intende :di tutti. e la normale amministrazione di una stazione sciistica non puo' essere ostacolata con preconcetti cosi'estremistici,non e' questo di cui macu ha bisogno.
sempre in tema di pseudoambientalisti che sono a macugnaga per ritrovare l'eden naturalistico : ma che per una sorta di rivalsa verso la frustrazione quotidiana delle loro citta' di provenienza,smettono di fare la raccolta differenziata durante le loro vacanze.vetro,giornali,plastica tutto in un sacco ....una soddisfazione che non si provava da anni.signori(e siamo soprattutto noi secondacasisti)a macugnaga si fa la differenziata!!!! basta solo non fare finta di niente ........sempre per il bene di macu
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Messaggioda borca99 » gio gen 10, 2008 11:12 am

Mi tolgo qualche sassolino anch'io:
Visto che parliamo degli unici e veri 'paladini della natura', spesso per esempio passeggiando nei boschi mi stupisco come questi virtuosi non si battano qualche volta anche in favore dell'abbattimento degli alberi. Ovviamente non mi riferisco a quelli sani ma alle centinaia di piante ormai malate che rischiano di compromettere l'equilibrio dei boschi e anche del sottobosco in cui si trovano oltre che della fauna che li popolano. In molte zone delle Alpi (e non solo) le piante malate vengono sistematicamente abbattute per far posto a giovani piante sane assicurando il ricambio.
Non so a chi competa questa operazione trattandosi di aree demaniali ma gli ambientalisti saprebbero dare sicuramente una risposta e se solo lo volessero saprebbero anche sollecitare gli enti preposti alla cura del demanio.
Altro sassolino che vorrei togliermi e' che vieterei l'accesso a Macugnaga ai camperisti che rappresentano il classico 'turista parassita' che porta solamente sporcizia, inquina con i gas di scarico per riscaldarsi di notte, occupa spazi pubblici per giorni interi e soprattutto....non porta soldi al paese.Al massimo si potrebbe vietarne il transito dal campeggio in poi.
Le mie sono ovviamente solo bonarie provocazioni portate all'estremo e spero di non offendere eventuali camperisti che frequentano questo forum ma mi interesserebbe capire cosa ne pensate...
borca99
Site Admin
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: mer apr 18, 2007 6:46 pm

Messaggioda giuliano57 » gio gen 10, 2008 12:45 pm

concordo sostanzialmente con Meccia. Penso di non essere molto lontano dalla realtà nell'affermare che uno degli aspetti di Macugnaga che tiene legati noi "aficionados" al paese sia la sua bellezza dal punto di vista paesaggistico e l'avere preservato nel tempo caratteristiche naturalistiche importanti. E'altresì vero che gli eccessi sono dannosi e spesso battaglie di tipo ideologico sono estremizzate e portate avanti per puro spirito di bandiera perdendo il contatto dalle reali esigenze del posto. Io sono convinto che le esigenze di Macugnaga possano e debbano convivere con le esigenze di salvaguardia ambientale quindi, se sono scettico sulla sostenibilità del progetto trenino; sono però convinto che un recupero dal punto di vista sciistico del comprensorio Moro-Bil-Macugnaga fatto "con testa" sia possibile e compatibile con le esigenze di carattere ambientale. Mi sembra, ma qui è difficele avere conferme, che un compromesso con verdi e autorità competenti, su un progetto di sistemazione del percorso Moro-Bill era stato trovato, ma non se ne è fatto nulla. Allora i motivi saranno altri.
giuliano57
 
Messaggi: 56
Iscritto il: mar nov 20, 2007 2:32 pm
Località:

Messaggioda meccia » gio gen 10, 2008 4:42 pm

scacrosante parole.sin dall'arrivo dei walser nella valle l'uomo ha sempre interagito con l'ambiente montano (duro e poco generoso) dai muretti a secco al muro salva pecetto sull'anza ,e se si vuol argomentare che questi erano interventi di sicurezza io ribadisco che anche la tenuta dei boschi e' un ottimo antincendio .e l'adeguamento delle piste alla carenza progressiva di neve e' un ottimo antifallimento degli impianti....con buona pace della gallinellaalpinaossolanadallacodaverde.
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Messaggioda borca99 » gio gen 10, 2008 4:54 pm

Bellissimo Meccia quando ti riferisci alla 'gallinellaalpinaossolanadallacodaverde'.........
borca99
Site Admin
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: mer apr 18, 2007 6:46 pm

Messaggioda vivamacu » mar gen 15, 2008 9:13 pm

Come in ogni cosa, in questo mondo assurdo che se ne va per la sua strada, sembra essere saltata la via di mezzo. Come con le ambizioni: o fai il Walser Express come minimo, o fondi non ne trovi, e la gente non la richiami.
Non è possibile che o si fanno scempi o non si può toccare un sasso. Certo che Macugnaga è bella. Certo che a 3000 metri sarà pieno di microhabitat da tutelare. Ma non si sta chiedendo (spero) di costruire un autostrada che salga al passo. Ci serve una pista da poter aprire con mezzo metro di neve. Non siamo in un parco nazionale (nulla contro i parchi nazionali, anzi, ben vengano nelle poche zone dove la natura è ancora da tutelare); che poi a Santa Caterina Valfurva, in pieno parco dello Stelvio, siccome c'erano i mondiali, impianti e piste nuove le hanno fatte eccome.
Lo sviluppo umano o si dimentica completamente dell'ambiente, facendo le peggio schifezze di questo mondo, o lo vuole mantenere intatto, senza neanche sfregiare una virgola. L'umanità è parte dell'ambiente, deve imparare a vivere con essa. Macugnaga è un posto bellissimo, ma non si può non toccare niente in nome della bellezza ambientale. Ogni cosa ha il suo prezzo da pagare. Bisogna solo starci attenti e fare le cose per bene.
Parliamo della pista "rifugio": non mi sembra che qualcuno si sia mai opposto alla sua realizzazione, io meno che mai: una pista in più fa sempre comodo, abbiamo devastato la conca del Cai Saronno, è il prezzo da pagare. Ma fin dalla prima ruspa che ci è salita, tutti a dire "tranquilli, sono previsti anche i lavori di inerbimento, vedi che bel praticello la prossima estate". Ne sono passate due di estati, sto ancora aspettandolo il praticello. Confido nella prossima.
Per quanto riguarda i camperisti, non colpevolizzerei una categoria. Il fatto che non porta soldi al paese poi è la motivazione più assurda di questo mondo. Uno può venire a Macugnaga solo se paga? E' un concetto interessante, d'ora in poi chiederò l'obolo a chiunque entri in casa mia.
Me la prenderei con la categoria molto più trasversale dei "gitanti della domenica"... quelli che arrivano tradizionalmente con frigobar pieno, tavolino di plastica, miriadi di pietanze confezionate, asciugamani da stendere per la tintarella, radiolina ad elevato volume; si piazzano solitamente oltre il ponte sull'Anza a Pecetto, o sui prati della sciovia Vecchio Tiglio, per poi lasciare immancabilmente strage di tovaglioli e sacchettini (quando va bene). Ma è il turismo usa e getta di oggi. Vai, godi, torna. Il rispetto non abita lì.
vivamacu
 
Messaggi: 732
Iscritto il: lun dic 05, 2005 7:00 pm
Località:

Messaggioda borca99 » mer gen 16, 2008 10:35 am

Si ma cosi' tu ghettizzi i 'gitanti della domenica'....
Mi sembra che la categoria che tu chiami 'gitanti della domenica' equivalga esattamente a quella dei camperisti, l'unica differenza e' che invece di montare il tavolino fuori dalla macchina i camperisti lo montano fuori dal camper.
Il problema secondo me e' che c'e' troppo turismo parassita e qualche volta introdurre qualche 'obolo',ma anche solo qualche limitazione non guasta. Macu ha bisogno di gente che porta soldi non di barboni...., bisognerebbe prendere da esempio decine e decine di localita' turistiche non solo estere ma anche italiane....
Comunque sia chiaro che si discute come diciamo sempre per 'il bene di Macu' ma onestamente confesso che per un villeggiante come me non e' neanche male salire alla sera del venerdi e scoprire di .....essere su da soli.
borca99
Site Admin
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: mer apr 18, 2007 6:46 pm

Messaggioda Liolà » mer gen 16, 2008 12:23 pm

...ora un sassolino nella scarpa lo tolgo io...

Nel weekend sono salita a Macu con amici.
Uno di questi non aveva mai sciato in vita sua, quindi l'ho accompagnato a noleggiare sci e scarponi.

E' stato trattato malissimo e con ironia (è una colpa non saper sciare ?!) dalla ragazza del negozio di noleggio sci.

Di certo questo ragazzo non tornerà più a Macu e non ne parlerà bene.
Anche questa è cattiva pubblicità !

Scusate lo sfogo.
Liolà
 
Messaggi: 33
Iscritto il: mar lug 03, 2007 3:30 pm
Località:

Messaggioda vivamacu » mer gen 16, 2008 2:27 pm

x borca:
In un certo senso hai ragione, ghettizzo i "gitanti della domenica", ma è che così trasporto la critica da un qualcosa che si ha (i camperisti: coloro che hanno il camper) a qualcosa che si fa (i turisti che non hanno rispetto dei luoghi in cui si trovano). La seconda categoria è trasversale: potrebbe benissimo entrarci anche uno che sale in pullman. [:)]

x liolà:
Non c'è niente da scusarsi. Hai fatto bene a sfogarti. Un cliente che ci è rimasto male, uquivalente a molti più clienti (tutti quelli a cui parlerà di Macugnaga) persi. Magari la ragazza voleva solo scherzare un po' e tentare di essere simpatica. Comunque, chi ha orecchie per intendere intenda. Confido che, essendo amico tuo, tu sia riuscita a fargli apprezzare tutto ciò che Macu ha di bello, al di là della cattiva esperienza. [V]
vivamacu
 
Messaggi: 732
Iscritto il: lun dic 05, 2005 7:00 pm
Località:

Messaggioda meccia » mer gen 16, 2008 3:24 pm

ragione da vendere per tutti voi :
-sui domenicali: sono poco permissivo con gli estivi di ferragosto con barbeque edinfradito,molto piu' tollerantre con gli invernali che si affollano per seguire le gesta dei figli neo sciatori,i pulman sono quasi sempre viaggi organizzati e si appoggiano su strutture ricettive locali quindi ben accetti.
-i camperisti ben accetti ma ,durante la stagione sciistica, dovrebbero fermarsi al campeggio e non occupare posti preziosi del parcheggio seggiovia e cmq pagare salato il parcheggio del camper.
-per la commessa supponente, chissa? forse l'amico di liola' era particolarmente avvenente e lei voleva far colpo,oppure una giornata storta,peccat,cmq spero proprio che non abbia guastato l'esperienza su gli sci
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Messaggioda fagiano » mer gen 16, 2008 4:58 pm

e ancora a meccia... mi fai un pò ridere sai? scrivi che tu sei poco permissivo con gli estivi di ferragosto ? ma scusa nn sei anche tu uno di loro, anche se hai la seconda casa a macuganaga................. sei poco permissivo anche con te stesso anche se non viaggi in pulmann? :-)
non credo che se si voglia fare turismo, indigeni o meno, si possa decidere che tipo di turista lasciare fuori dalla valle o meno, alla fine credo che tutti debbano essere beneaccetti e nessuno , dico nessuno, può permettersi a mio parere di dire "tollero" "non tollero" anche se io al momento non sto tollerando chi ha la seconda casa a macugnaga e si permette di non tollerare chi, per motivi anche economici per quanto ne sappiamo noi, non può permettersene una e allora si accontenta di una gita in giornata con infradito e panini portati da casa (perchè costa mangiare al ristorante). Mi spiace meccia ma non ci siamo proprio....
fagiano
 
Messaggi: 8
Iscritto il: ven gen 11, 2008 6:46 pm
Località:

Messaggioda Liolà » mer gen 16, 2008 5:05 pm

Completamente d'accordo con Fagiano

Ironia sulla questione della commessa (a parte che era uno dei proprietari del negozio)...a mio avviso non c'è da ridere, è un fatto grave trattare male le persone e allontanarle dal paese ..
Liolà
 
Messaggi: 33
Iscritto il: mar lug 03, 2007 3:30 pm
Località:

Messaggioda dreamer » mer gen 16, 2008 5:19 pm

detto tra noi, visto anche il tuo commento abbastanza 'a gamba tesa' nell'altro topic: ma stai scherzando o fai sul serio? no, perchè mi preoccupi seriamente, sai... qui nessuno - dico nessuno - vuole litigare, solo discutere. se uno entra in un posto e comincia a menare fendenti a destra e a manca, a me pare che sia un attaccabrighe. are you?

rileggiti i post: nascono non dal 'turista della domenica' tout court, ma dal (cito vivamacu poco più sopra) '...lasciare immancabilmente strage di tovaglioli e sacchettini (quando va bene). Ma è il turismo usa e getta di oggi. Vai, godi, torna. Il rispetto non abita lì'... che, a torto o a ragione, vediamo molto più comune nel turista della domenica che nel secondacasista o altro. a margine c'è stata la riflessione relativa a 'quanto spende' un turista, ed è ovvio che un turista della domenica lasci meno soldi di altri; ma è una considerazione in più rispetto al nocciolo, che è quello del rispetto e di un certo modo di vivere la montagna (che non è - e sfido a dimostrarmi il contrario - un luna park). quindi prima di parlare leggi bene, please.

spero di non avere altre polemiche 'aggratis'. ciao.
dreamer
 
Messaggi: 1405
Iscritto il: gio nov 10, 2005 2:30 pm
Località: Lombardia

Messaggioda daniela » mer gen 16, 2008 5:34 pm

Senza fare nessuna critica a nessuno, per carità, penso che se la commessa o proprietaria di un negozio ti tratta male, al limite non torni più nel negozio, non nella lcalità!
Quindi mi si può raccontare tutto ma non che una persona parla male di una località o non ci va più solo perchè ha beccato una cafona...l'unico modo per non incontrare una persona cafona è non uscire di casa...forse!!
Buona giornata a tutti!
daniela
 
Messaggi: 44
Iscritto il: ven nov 16, 2007 8:54 pm
Località: Lombardia

Messaggioda alaclaudio » mer gen 16, 2008 5:37 pm

<font size="1">"gitanti della domenica"... quelli che arrivano tradizionalmente con frigobar pieno, tavolino di plastica, miriadi di pietanze confezionate, asciugamani da stendere per la tintarella, radiolina ad elevato volume; si piazzano solitamente oltre il ponte sull'Anza a Pecetto, o sui prati della sciovia Vecchio Tiglio, per poi lasciare immancabilmente strage di tovaglioli e sacchettini (quando va bene). Ma è il turismo usa e getta di oggi. Vai, godi, torna. Il rispetto non abita lì.</font id="size1">

Temo si sia perso un passaggio relativo al concetto espresso da Vivamacu e poi ripreso da Meccia.
Il rispetto è un'altra cosa e vale per tutti(trasversale), camperisti,turisti della domenica, possessori di seconde case e quant'altro.

Mentre,dal punto di vista di chi vive a Macugnaga e ne ha una attività è sicuramente diverso se il turista utilizza o meno le strutture e/o i servizi del luogo(economia).

Sul discorso seconda casa, i pareri sono vari e contrastanti. Comunque quando ci sono forse varrebbe la pena offrire servizi che tendano a consolidare (fidelizzare)il rapporto con il "turista"stesso, perchè è comunque di questo che si tratta.

In una località marina ligure, si attribuiva la responsabilità alla presenza di troppe seconde case, del continuo declino (in termini di presenze)della località. Peccato che nessuno si era mai posto il problema che in realtà gli alberghi ed i residence esistenti avevano praticamente mai il "tutto esaurito". Forse diverso sarebbe stato, "case vuote ed alberghi stracolmi". Un consulente ingaggiato appositamente, aveva semplicemente sentenziato che forse il vero problema era un altro...
Ciao
alaclaudio
Site Admin
 
Messaggi: 327
Iscritto il: gio nov 10, 2005 4:17 pm
Località: Legnano

Prossimo

Torna a Macugnaga

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite