La GROTTA EFFIMERA del ghiacciaio del Belvedere

Il Gruppo Grotte del CAI di Novara (GGN) con la collaborazione del Gruppo Speleologico del CAI di Biella (GSBi) è stato premiato dal CAI di Macugnaga il 18 Agosto 2018 presso la Kongresshaus con il Premio MACUGNAGA-MONTEROSA.

Il Premio Macugnaga-Monte Rosa, nato da un´idea di Teresio Valsesia e patrocinato dal Comune di Macugnaga, è un riconoscimento conferito annualmente a coloro, enti o privati, che si sono particolarmente distinti nella diffusione della cultura di montagna.

Durante la serata è intervenuto Teresio Valsesia per ricordare la nascita, l’evoluzione e la fine del Lago Effimero, le cui acque hanno certamente contribuito alla formazione del sistema di grotte all’interno del ghiacciaio del Belvedere.

Con il conferimento del premio al GGN, il CAI di Macugnaga ha voluto premiare l’attività di esplorazione di queste grotte, attività condotta a partire dal 2005 ed oggi ancora in corso, che ha consentito la scoperta di un sistema esteso e diversificato.

Di questo sistema fa parte la “GROTTA EFFIMERA”, che detiene il primato di grotta glaciale più lunga della catena alpina.

Il video seguente ne illustra la bellezza e particolarità.

Hanno partecipato all’esplorazione:
ALEX MANCIN
CESARE GALLI
ETTORE GHIELMETTI
FIORENZO GUIGLIA
GIAN DOMENICO CELLA
YORK CAVALLARI
JURI BERTONA
LIA BOTTA
LUCIANO GALIMBERTI
VALERIO BOTTA

Ascensioni

Vengono presentate in breve le vette raggiungibili dalle varie frazioni e dai principali rifugi escursionistici; si indica con EE le vette raggiungibili con salite per escursionisti esperti (almeno una via conosciuta e praticabile; ovviamente ciò non esclude la presenza di altre vie di tipo alpinistico) e con * la raggiungibilità solo per vie alpinistiche (roccia, ghiaccio o totale assenza di sentiero)

Da Pestarena:
Pizzo della Caccia (2405 m, *), Pizzo della Moriana (2631 m, *), Palone del Badile (2675 m, EE), Pizzo dei Vittini (2455 m, *); tutte via bivacco Amici della Val Moriana o miniere di Lavanchetto

Da Borca:
Pizzo Camino (2005 m, EE) e Pizzo dei Vittini (2455 m, *), via alpe Vittini; Pizzo di Quarazzola (2798 m, *), Palone del Badile (2675 m, EE), Corni di Faller (3196 m, *), Pizzo Bianco (3215 m, EE), Pizzo Nero (2738 m, EE), Punta Grober (3497 m, *), via val Quarazza; Battel (2928 m, EE), via alpe Cicerwald

Da Isella:
Pizzo Nero (2738 m, EE), via alpe Bletza; Battel (2928 m, EE), via alpe Cicerwald

Da Staffa:
Monte Moro (2984 m, EE), dal Passo; Joderhorn (3034 m, EE), dal Passo; Battel (2928 m, EE) via alpe Meccia; Pizzo Nero (2738 m, EE), via alpe Bletza; Faderhorn (2475 m, EE), via alpe Bil

Da Pecetto:
Faderhorn o Pizzo Croce (2475 m, EE), via bivacco Hinderbalmo o via Tambach; Corno Rosso (3230 m, *) e Seewijnenhorn (3215 m, *), via bivacco Hinderbalmo; Punta Battisti (2754 m, EE), Pizzo Nero (2738 m, EE) e Pizzo Bianco (3215 m, EE) via alpe Rosareccio

Dal rifugio Zamboni e Zappa:
Punta Battisti (2754 m, EE), via colle Bortolon; Pizzo Bianco (3215 m, EE), via canalone Chiovenda; tutte le vette dalla Punta Grober (3497 m) alla Punta Dufour (4634 m) allo Jagerhorn (3969 m), solo per vie alpinistiche

Dal rifugio Sella:
Cima Jazzi (3804 m), Cime di Roffel (3562 – 3478 m) e Strahlhorn (4190 m), solo per vie alpinistiche

Dal bivacco Belloni:
Tutte le vette dallo Jagerhorn (3969 m) alla Cima Jazzi (3804 m), solo per vie alpinistiche

Dal rifugio Marinelli:
Tutte le vette dalla Punta Gnifetti (4554 m) allo Jagerhorn (3969 m), solo per vie alpinistiche