Demone alato in Chiesa Parrocchiale


Demone alato in Chiesa Parrocchiale

Pubblicità

Pubblicità
 

Demone alato in Chiesa Parrocchiale

Messaggioda Administrator » gio nov 14, 2013 12:51 am

Domanda arrivata dall'amica Lory:

<i>"Scrivo perché ho una curiosità che non riesco a soddisfare, nonostante la cerco in internet. Quando sono venuta a Macu x la Fiera di S. Bernardo, all'interno della chiesa parrocchiale, sotto un pulpito ho notato un grosso volatile nero (mostruoso!) con in bocca un uomo, sapete cosa rappresenta? Vi sarei grata se mi sapete dire qualcosa inerente a quella rappresentazione."</i>
Privatamente le abbiamo già risposto (Dreamer), ma attendiamo anche i vostri commenti!

<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 167,07 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 138,8 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 182,69 KB</font id="size1">

<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 130,58 KB</font id="size1">
Administrator
 
Messaggi: 520
Iscritto il: ven set 09, 2005 5:17 pm
Località:

Messaggioda Carlolibri » gio nov 14, 2013 12:47 pm

Il demone di Macugnaga ha sempre interessato anche me.
Quando faccio da cicerone agli amici (gente di bocca buona, fortunatamente) racconto che la figura principale, il soggetto, è l'omino nel becco, che rappresenta l'Uomo divorato dal peccato, rappresentato dal demone mostruoso, che è poi un basilisco, figura mitologica e assai presente nelle valli ossolane. Escluderei si tratti, di un'aquila la quale ha una valenza positiva nel Vangelo, almeno nel Nuovo Testamento, in quanto rappresenta l'Evangelista Giovanni. Da notare che all'epoca della costruzione della chiesa la gente, prevalentemente analfabeta, aveva necessità di immagini che evocassero gli aspetti religiosi in modo forte, semplice e diretto.
Carlolibri
 
Messaggi: 114
Iscritto il: dom dic 28, 2008 1:23 pm
Località:

Messaggioda rosella martellato » gio nov 14, 2013 9:27 pm

mi ero sempre chiesta cosa significasse fianlmente adesso lo so pensavo fosse un racconto su un aquila, ch e belle foto . Grazie a Lory
ad administrator,
rosella martellato
 
Messaggi: 3
Iscritto il: dom ott 06, 2013 10:14 am
Località: Lombardia

Messaggioda Carlolibri » mar dic 03, 2013 8:06 pm

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">rosella martellato ha scritto:

mi ero sempre chiesta cosa significasse fianlmente adesso lo so pensavo fosse un racconto su un aquila, ch e belle foto . Grazie a Lory
ad administrator,
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

Magari se ci fate partecipi sul significato del demone alato ve ne saremmo grati. Grazie
Carlolibri
 
Messaggi: 114
Iscritto il: dom dic 28, 2008 1:23 pm
Località:

Messaggioda Fillar » mar dic 03, 2013 8:54 pm

Nel libro "Storia di Macugnaga" di Tullio Bertamini (che consiglio vivamente di acquistare) c'è una foto del pulpito con una brevissima didascalia " La chiesa nuova di Macugnaga: il mostro, simbolo dell'errore, che aleggia sotto il pulpito" (pag. 249) Poi c'è un breve cenno del pulpito a pag. 243: "Nel 1725 lo scultore Pietro Antonio Lanti scolpisce in legno di noce il pulpito, un'opera rimasta senza la doratura e pittura prevista, eccettuato il mostro diabolico che aleggia sinistramente al di sotto".
Non so altro.
Fillar
 
Messaggi: 345
Iscritto il: dom apr 12, 2009 1:48 pm
Località: Piemonte

Messaggioda tredicroppo » dom feb 02, 2014 11:01 pm

bellissima discussione
mi sembra che il basilisco sia rappresentato come un mostro alato con la coda di serpente mentre questa mi sembra proprio un aquila mostruosa, poi anche Giovanni Testori durante il suo soggiorno a Macugnaga scrisse una raccolta di poesie chiamata "l'aquila di Makanà" ispirandosi alla scultura, si era sbagliato pure lui?
http://www.associazionetestori.it/news.php?idn=1084
Ho letto il libro di Crosa Lenz sulle leggende delle alpi, dove vi è il racconto "l'aquila di ierf (Erfo)", che parla di un rapimento di un bambino dalla culla da parte di un aquila, storia riportata anche qui:
http://pontevelinavco.it/informazioni/s ... 20Erfo.pdf
tra l'altro si legge ".... il fatto del rapimento del bimbo di Quarna Sopra (probabilmente avvenuto nel 1700)..".
Pietro Antonio Lanti operò in diverse località ossolane proprio in quegli anni e pensavo che per realizzare la scultura si fosse in qualche modo ispirato alla leggenda
tredicroppo
 
Messaggi: 20
Iscritto il: lun lug 09, 2007 6:57 pm
Località: Lombardia

Messaggioda Carlolibri » lun feb 03, 2014 6:04 pm

Certamente il demone alato assomiglia moltissimo ad un'aquila. Il problema è cosa rappresenti veramente: un'aquila, un demone, un basilisco? Ma soprattutto, qual'è il significato dell'opera, il bambino rapito o il demonio che ghermisce l'uomo per i peccati commessi, o che altro?
Difficilmente si è voluto rappresentare il rapimento di un bambino, evento traumatico per la comunità montana di allora ma di carattere prettamente laico, laicità che difficilmente penso possa trovare posto in una chiesa (e che posto, proprio sotto al pulpito!) Verosimilmente quando il Lanti si è sentito dire dal prelato, committente dell'opera lignea: "Lanti, sotto al pulpito mi devi scolpire un demone con nella bocca (becco) un uomo", il Lanti, ha optato per una cosa conosciuta, un'aquila con un rostro sulla testa però.
Altra considerazione da tener presente la grandissima diffusione di rappresentazioni di basilischi nelle valli vicine a Macugnaga, la val d'Ossola, la Val Vigezzo, ecc.

Questo naturalmente sono mie supposizioni, ben vengano altre tesi e antitesi.
Carlolibri
 
Messaggi: 114
Iscritto il: dom dic 28, 2008 1:23 pm
Località:


Torna a Fotografie - Architettura religiosa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite