Allargamento imbocco strada valle anzasca


Allargamento imbocco strada valle anzasca

Pubblicità

Pubblicità
 

Allargamento imbocco strada valle anzasca

Messaggioda gabro » lun gen 30, 2012 4:13 pm

26/01/2012 Provincia Verbano Cusio Ossola


GIUNTA PROVINCIALE INCONTRA L'AMMINISTRAZIONE E LE ASSOCIAZIONI DI PIEDIMULERA


Incontro ieri pomeriggio tra l’Amministrazione Comunale e le Associazioni di Piedimulera e la Giunta Provinciale, nella sua consueta seduta mensile in ‘esterna’. Il saluto di benvenuto del Sindaco Gianmauro Bertoia si è accompagnato al ringraziamento per come l’Amministrazione Provinciale, in particolare nelle persone del Presidente Nobili e dell’Assessore al Lavoro Franzi, è stata vicina - in oltre un anno di vicende e trattative per la ripresa produttiva dello stabilimento ex Sit-Cupro - ai lavoratori della fabbrica che lo scorso 16 gennaio, con un primo ingresso di 18 addetti alla manutenzione, ha riaperto i battenti con una nuova proprietà e il nome di VCO Copper. <b><font size="5"><font color="red">Tra i problemi che l’Amministrazione del Comune ossolano ha sottoposto all’attenzione dell’esecutivo Nobili si annovera il procedere di alcuni lavori in capo alla Provincia. L’Assessore alla Viabilità Blardone ha rassicurato che con la primavera si inizierà a lavorare all’allargamento dell’imbocco della strada per Macugnaga, con l’abbattimento di un vecchio edificio, che lascerà spazio anche a marciapiedi e a posti auto (per un investimento provinciale di 140 mila euro).</font id="red"></font id="size5"></b> Più complesso, causa l’obbligo di ottenere autorizzazione dalle FFSS, l’intervento di abbassamento della sede stradale sotto il viadotto ferroviario, dove si sono verificati incidenti con automezzi il cui passaggio è limitato dall’altezza del varco. “Per non perdere i finanziamenti regionali, da spendere entro l’anno, la proposta – ha dichiarato Blardone – è intervenire con un altro ampliamento della strada togliendo uno sperone di roccia che oggi restringe la carreggiata. Per indirizzarci in questo senso serve comunque il consenso della Regione. Per quanto riguarda il progetto ‘Movilinea’ (con la realizzazione di una nuova fermata per gli autobus), il progetto è stato approvato: manca sola la firma dell’accordo tra Comune, che realizzerà le opere, e la Provincia che per più della metà ne coprirà le spese”. Per un’opera importante, da 6,3 milioni di euro, quale il viadotto di Meggiana, sempre sulla SP 66 in Comune di Piedimulera, Blardone ha spiegato che si è in possesso del progetto esecutivo e in fase di procedura per l’assegnazione dell’appalto con un cantiere che dovrebbe aprire prima dell’estate. “Chiaro - evidenzia l’Assessore – che prima dell’inizio dei lavori saranno contattate tutte le amministrazioni interessate per un coordinamento in termini di viabilità”. Dal Sindaco Bertoia manifestata preoccupazione in merito ai tagli al trasporto pubblico che potrebbero ridurre il servizio di collegamento bus tra Piedimulera e la frazione di Cimamulera, che oggi avviene con un pulmino acquistato con fondi della Provincia e sostenuto annualmente da un contributo provinciale di 27 mila euro. “Tagli purtroppo saranno inevitabili con la riduzione almeno del 15%, ma probabilmente anche oltre il 20%, dei trasferimenti regionali su questo capitolo” ha ammesso Blardone.
Altra richiesta di attenzione pervenuta all’Amministrazione Provinciale quella avanzata da Beniamino Tomola, presidente del Piedimulera Calcio, formazione che con successo milita nella 1° categoria e che potrebbe fare il salto in Promozione: un passo in avanti che porterebbe con sé il problema di un campo che va adeguato nelle misure e necessita di nuovi spogliatoi. L’Associazione calcistica si è candidata partecipando con un bando a fondi regionali e la richiesta è che la Provincia possa seguirne da vicino l’iter. Stessa istanza da Paola Beltrami, che a nome dell’Asilo di Piedimulera ha chiesto alla Provincia di sostenerlo nel suo progetto di ampliamento. “Si tratta di un servizio – ha spiegato – molto richiesto, anche da famiglie della Valle Anzasca che per motivi di lavoro durante il giorno gravitano sul fondovalle. Offriamo anche un tempo prolungato e spiace non poter accettare tutte le iscrizioni”. “In questo momento la Provincia si trova nella stessa situazione dei Comuni: con un grande punto interrogativo sul proprio bilancio. Potessimo contare su entrate che ci spettano come l’introito diretto dei canoni idrici, potremmo dar seguito con nostre risorse a queste necessità. La riforma – indifferibile - degli enti locali può essere una grande opportunità se condotta con serietà e ascoltando i territorio, al contrario sarà solo motivo di incertezza, disservizi e nessun risparmio” ha rimarcato il Presidente Nobili. Alle sue parole hanno fatto eco quelle del Sindaco: “un comune montano e lontano da Torino come Piedimulera considera indispensabile il ruolo di mediazione della Provincia, venisse meno avremmo molto da perdere e niente da guadagnare”. Per tornare allo sport, disponibilità dall’Assessore Dal Sasso a supportare il comitato di Piedimulera, incaricato della rappresentanza italiana al campionato europeo di calcio in montagna Bergdorf 2012, che si terrà nei pressi di Salisburgo il prossimo maggio.
gabro
 
Messaggi: 117
Iscritto il: dom dic 25, 2011 2:16 am
Località: Piemonte

Torna a Valle Anzasca

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite