A.Bill-Alpe Sonobierg-Alpe Meccia-A.Bill


A.Bill-Alpe Sonobierg-Alpe Meccia-A.Bill

Pubblicità

Pubblicità
 

A.Bill-Alpe Sonobierg-Alpe Meccia-A.Bill

Messaggioda borca99 » dom nov 08, 2009 11:06 am

Alpe Bill (1700 mt)-Alpe Sonobierg (1926 mt)-Alpe Meccia (1812 mt)- Alpe Bill

Difficolta’ : E

1)Lunghezza : 1.45 h

2)Stato del sentiero : Ottimo e ben segnato ovunque

3)Ripidezza : In decisa salita il primo tratto sopra al Bill (30 minuti) poi solo in leggerissima salita fino al Sonobierg.
Dal Sonobierg all’Alpe Meccia in discesa, poi dall’Alpe Meccia al Bill in sali scendi ma con discesa leggermente prevalente

4) Affollamento : poco frequentato

5) Segnale del cellulare : ottimo ovunque

Ecco come sono le sezioni del tragitto :

<b>Premessa</b>
Il sentiero puo’ essere percorso indifferentemente nei due sensi

1) In senso orario risalendo dal Bill lungo la pista Moro-Bill per trovare prima il Sonobierg e poi scendere verso la Meccia
2) In senso antiorario dirigendosi direttamente dal Bill all’Alpe Meccia per poi risalire
verso il Sonobierg con discesa finale sul Bill

Qui viene descritta l’opzione no. 1 che prevede una salita iniziale piuttosto ripida per poi
trovare un percorso facile e molto spesso in discesa nel restante tragitto.

<b>Alpe Bill – Alpe Sonobierg</b>

Fino al bivio nel bosco ai margini della pista Moro-Bill il percorso e’ descritto dettagliatamente nella sezione dedicata alla salita al Moro (vedere inizio del tratto Bill-Moro), comunque dalla stazione del Bill risalire lungo la pista per circa 30 minuti, finche’ all’interno del bosco che costeggia la pista da sci non si incontra il bivio per il Sonobierg.
Il bivio e’ in una zona pianeggiante e si trova 100 metri prima degli scalini di legno che ricongiungono il sentiero alla pista Moro-Bill (vedere scheda del Passo Moro) ed e’ riconoscibile da un albero segnato con un cerchio di vernice rossa.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 102,17 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 97,06 KB</font id="size1">
Purtroppo mancano cartelli indicatori o scritte, salvo l’indicazione per il Moro che e’ verniciata su un sasso poco oltre il bivio. Sullo sfondo e’ cerchiata la zona della scalinata in legno
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 103,89 KB</font id="size1">
Subito dopo l’inizio del sentiero i segnavia sono molto frequenti e precisi e permettono di non perdere la traccia del sentiero che comunque e’ sempre ben evidente all’interno del bosco.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 97,82 KB</font id="size1">
Si prosegue per circa 5 minuti in leggera salita nel bellissimo bosco prima di incontrare un ruscello
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 105,96 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 101,09 KB</font id="size1">
Dopo il ruscello si sale in maniera un po’ piu’ decisa ma per un breve tratto fino a trovarsi ad attraversare un bosco molto luminoso in leggerissima salita.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 93,23 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 97,65 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 85,32 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 102,27 KB</font id="size1">
Percorrendo il bosco si puo’ gia’ intravedere attraverso i rami degli alberi la radura su cui sorge l’Alpe Sonobierg (segno giallo).
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 100,24 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 95,78 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 96,77 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 102,28 KB</font id="size1">
L’Alpe Sonobierg si trova su uno stupendo prato con una bellissima vista sul Monte Rosa e sulla Quarazza ed e’ il luogo ideale per un pic nic.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 83,46 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 85,46 KB</font id="size1">
Questo e’ il punto in cui si arriva dal bosco
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 83,84 KB</font id="size1">
Si puo’ individuare chiaramente anche la zona dell’Alpe Meccia verso la quale ci dirigeremo
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 57,24 KB</font id="size1">

<b>Alpe Sonobierg – Alpe Meccia</b>
Dopo l’Alpe Sonobierg il sentiero prosegue in orizzontale davanti alle costruzioni che compongono l’alpeggio e si dirige verso il ripido pendio di un bosco distante 50 metri.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 65,66 KB</font id="size1">
Una scritta su un masso indica ‘Attenzione sentiero esposto’ per prepararci ad un breve tratto ripido
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 92,65 KB</font id="size1">
Questo e’ l’unico punto leggermente ‘critico’ del sentiero in quanto per 15 metri si scende ripidamente nel bosco sottostante ma sono state sistemate delle corde per procedere in estrema sicurezza nella breve discesa.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 100,2 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 103,35 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 94,6 KB</font id="size1">
Come detto si tratta solo di pochi metri che comunque non dovrebbero creare problemi neanche ad eventuali bambini al seguito.
Questa e’ il tratto immediatamente dopo la parte ripida
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 92,74 KB</font id="size1">
Il sentiero continua ben visibile nel bosco in leggera discesa fino a trovare una valletta in cui bisogna scendere in maniera piu’ ripida lungo una zona sassosa.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 93,93 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 100,57 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 91,32 KB</font id="size1">
I segnali sono sempre molto ben posizionati e frequenti quindi la direzione da tenere e’ sempre ben chiara, inoltre a tratti si possono trovare alcune pietre posizionate per formare gradini.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 90,53 KB</font id="size1">
Si scende sulle pietre e poi si volta a sinistra verso un tratto un po’ piu’ ripido
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 96 KB</font id="size1">
Si scende lungo il margine laterale di una valletta in cui scorre un torrente che si dovra’ presto attraversare.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 96,42 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 106,52 KB</font id="size1">
Dopo l’attraversamento si percorre una zona pressoche’ in pianura all’interno di un bellissimo bosco che parte del quale e’ stata recentemente martoriata dalle valanghe che hanno abbattuto parecchi alberi.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 87,25 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 96,29 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 98,84 KB</font id="size1">
Voltandoci all’indietro si puo’ in parte ricostruire gli ultimi 10-15 minuti di cammino. In alto segnata in rosso c’e’ la zona del Sonobierg
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 84,76 KB</font id="size1">
Si prosegue per circa 10 minuti su un comodissimo e visibilissimo sentiero intuendo gia’ in lontananza la zona in cui dovrebbe trovarsi l’Alpe Meccia
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 91,03 KB</font id="size1">
L’Alpe Meccia la si raggiunge dall’estremita’ superiore di un altro stupendo prato
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 101,6 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 78,3 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 82,25 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 72 KB</font id="size1">
E’ difficile decidere se questa zona e’ piu’ o meno bella del Sonobierg, la differenza tra i due e’ che il prato su cui si trova l’Alpe Meccia e’ piu’ ampio e meno pendente ma e’ veramente difficile decidere qual’e’ il piu’ bello. Qui ci si fa un’idea del panorama visibile dalla Meccia
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 56,71 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 44,52 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 60,75 KB</font id="size1">
L’Alpe Meccia e’ composta da diverse costruzioni
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 106,31 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 64,26 KB</font id="size1">
L’interno di una di esse :
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 68,24 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 66,63 KB</font id="size1">
Il pensiero non puo’ non andare al massacro compiuto qui dai nazisti nel ‘44 in cui furono trucidate una decina di persone che avevano trovato rifugio scappando dal fondo valle.
Questa e’ la lapide che li ricorda.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 84,61 KB</font id="size1">

<b>Alpe Meccia – Alpe Bill</b>
Il sentiero per il Bill e’ immediatamente visibile sotto all’Alpe Meccia e la direzione da prendere e’ gia’ ben segnalata dove ci sono le costruzioni.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 67,88 KB</font id="size1">
Si scende lungo il prato ma a meta’ ci si indirizza sulla destra nel bosco adiacente.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 83,49 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 106,46 KB</font id="size1">
Fino all’Alpe Bill il sentiero e’ ottimamente visibile oltre che segnalato.
Si scende per 5-10 minuti nel bosco non sulla linea di massima pendenza ma in orizzontale lungo il versante e su un comodissimo terreno finche’ si raggiunge una cabina in muratura che dovrebbe essere un acquedotto.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 98,9 KB</font id="size1">
Si prosegue ora in leggera discesa fino ad incrociare un torrente.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 93,96 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 97,33 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 104,22 KB</font id="size1">
Si riprende a scendere lungo il bosco
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 118,77 KB</font id="size1">
Si attraversa un altro torrente
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 105,5 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 98,07 KB</font id="size1">
Dopo quest’ultimo torrente si incontra un bivio ben segnalato da dei cartelli con un sentiero che scende piu’ ripidamente sulla sinistra
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 114,68 KB</font id="size1">

Chi vuole puo’ tranquillamente scendere fino a Staffa senza dover per forza ripassare dal Bill ma qui viene descritto il ritorno al Bill per poi ridiscendere a Staffa in funivia o lungo la mulattiera ‘classica’ descritta nella sezione del Passo Moro.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 99,26 KB</font id="size1">
Superato il bivio si prosegue sempre nel bosco per circa 20 minuti fino al Bill. Il bosco e’quasi sempre abbastanza fitto e i punti panoramici sono pochi.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 99,81 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 121,06 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 81,91 KB</font id="size1">
Il cammino diventa a tratti in leggera salita e’ si incontra anche qualche tornante che sale un po’ piu’ decisamente ma poi si riprende a camminare praticamente in piano.
Il sentiero e’ sempre bello all’interno del bosco ma e’ sicuramente la parte meno spettacolare in quanto gli alberi sono piuttosto fitti contrariamente a tutti i tratti precedenti.
Ad un certo punto la vegetazione e’ interrotta all’altezza di un largo canalone che, se lo risalissimo, ci porterebbe piu’ a monte esattamente dove la pista Meccia interseca la Moro Bill
Questa zona e’ piuttosto devastata dalle valanghe del 2009 che hanno fatto ‘tabula rasa’ di gran parte degli alberi.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 81,28 KB</font id="size1">
Successivamente il cammino nel bosco riprende pressoche’ in piano o in leggero sali-scendi fino al Bill
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 94 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 101,94 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 98,4 KB</font id="size1">
Questo e’ il punto in cui si arriva alla stazione del Bill
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 98,35 KB</font id="size1">
Voltandoci indietro si puo’ vedere dove ci siamo diretti alla partenza (linea rossa) e da dove siamo arrivati provenendo dalla Meccia (in verde)
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 103,43 KB</font id="size1">
borca99
Site Admin
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: mer apr 18, 2007 6:46 pm

Torna a Reportage - Itinerari escursionistici - Sentieri

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite