Sentiero Naturalistico


Sentiero Naturalistico

Pubblicità

Pubblicità
 

Sentiero Naturalistico

Messaggioda borca99 » lun ott 26, 2009 11:42 pm

Sentiero Naturalistico
Alpe Fillar (1974 mt)-Alpe Roffelstaffel (1905 mt)-Barbaluboden (1750 mt)-(Burky)

Difficolta’ : T/E

1)Lunghezza : 1.30 h

2)Stato del sentiero : Ottimo e ben segnato ovunque

3)Ripidezza : In pianura e leggera discesa il primo tratto e in discesa ripida la parte finale

4) Affollamento : abbastanza frequentato

5) Segnale del cellulare : ottimo ovunque

Ecco come sono le sezioni del tragitto :

<b>Premessa</b>
Il sentiero puo’ essere percorso indifferentemente nei due sensi a seconda del grado di difficolta’ che si vuole affrontare.
1)partendo dal Belvedere, che e’ raggiungibile comodamente in seggiovia, e attraversando il ghiacciaio per imboccare il sentiero all’Alpe Fillar (vedere sezione dedicata all’attraversamento del ghiacciaio)
2)partendo da Pecetto/Burky ma e’ notevolmente piu’ faticoso in quanto il dislivello lo si copre quasi interamente a piedi anziche’ in seggiovia (il tratto in salita e’ il Burky-Barbaluboden ed e’ descritto nella sezione del Pizzo Croce)

Qui viene descritta l’opzione no. 1 che e’ la piu’ facile.

<b>Alpe Fillar – Alpe Roffelstaffel </b> :
Il sentiero si imbocca esattamente nel punto in cui si termina l’attraversamento del ghiacciaio del Belvedere provenendo dall’arrivo della seggiovia.
L’Alpe Fillar e’ un punto di passaggio di vari sentieri e il Sentiero Naturalistico inizia all’altezza del puntino piu’ a sinistra nella foto
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 62,06 KB</font id="size1">
Immediatamente dopo il ghiacciaio si trova il cartello giallo che ci fa svoltare a destra.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 83,67 KB</font id="size1">
Il sentiero si addentra subito in leggera discesa in un magnifico boschetto di alberi di basso fusto
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 111,95 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 100,64 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 93,41 KB</font id="size1">
Questa sono delle veduta dall’alto in cui e’ chiaramente visibile la traccia del sentiero
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 58,16 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 67,76 KB</font id="size1">
Ci troviamo al margine sinistro del ghiacciaio del Belvedere e il boschetto ci accompagna per circa 10 minuti.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 97,69 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 80,52 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 112,8 KB</font id="size1">
Si cammina in totale relax in leggera discesa fino ad arrivare all’attraversamento di una zona pietrosa percorsa da un paio di ruscelli e un torrente
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 110,29 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 84,89 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 104,34 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 110,32 KB</font id="size1">
Il percorso lungo questa zona pietrosa e’ ottimamamente segnalato da dei pali usati di solito per delimitare le piste da sci ma la loro presenza e’ da verificare di anno in anno in quanto potrebbero venir d’inverno abbattuti dalla neve ecc.
In ogni caso la direzione da tenere sarebbe in ogni caso abbastanza intuibile anche senza segnali in quanto dalla parte opposta si intravede chiaramente la continuazione su un prato.
Tra i vari ruscelli/torrenti c’e’ una zona erbosa che separa due zone pietrose
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 99,36 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 78,82 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 92,53 KB</font id="size1">
L’attraversamento del torrente piu’ grosso e’ ‘garantito’ da un asse di legno ma il torrente potrebbe essere piu’ o meno impetuoso a seconda delle stagioni e delle condizioni climatiche.
In ogni caso l’attraversamento non dovrebbe mai creare problemi particolari.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 109,03 KB</font id="size1">
Una volta attraversata la zona pietrosa si continua sulla ottimamente visibile traccia del sentiero che prosegue questa volta brevemente in leggerissima salita mantenendo la direzione avuta fino ad ora.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 81,61 KB</font id="size1">
Alla nostra destra lasciamo il fianco del ghiacciaio del Belvedere che volta leggermente a destra per poi esaurirsi.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 65,15 KB</font id="size1">
Noi invece siamo progressivamente piu’ alti rispetto al ghiacciaio in quanto non solo non scendiamo ma saliamo leggermente di quota.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 91,3 KB</font id="size1">
Il sentiero e’ molto ben tracciato e segnato anche in questo tratto e in lontananza e’ sempre meglio visibile l’Alpe Roffelstaffel verso la quale ci stiamo dirigendo.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 65,46 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 56,78 KB</font id="size1">
Questa antica costruzione e’ privata ma la sua visione e’ il piatto forte della passeggiata per la sua incredibile posizione di fronte alla parete del Rosa e per la cura con la quale viene preservato e decorato.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 82,92 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 106,5 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 115,79 KB</font id="size1">
C’e’ addirittura un orto e una fontanella in funzione con tanto di acqua che esce verso l’alto dal foro praticato su un sasso
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 108,78 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 104,96 KB</font id="size1">

<b>Alpe Roffelstaffel – Barbaluboden - (Burky)</b>
Abbandonato questo luogo incantevole si prosegue per 5 minuti in orizzontale fino ad incontrare sulla sinistra il sentiero che scende dalla Rifugio Sella.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 82,35 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 60,27 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 90,16 KB</font id="size1">
Poco dopo inizia inizia la discesa e si incontra una gola in attraversata da un impetuoso torrente che e’ pero’ superabile tramite un bellissimo e solido ponticello.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 106,44 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 116,79 KB</font id="size1">
Dopo l’attraversamento del torrente si procede in piano o in leggerissima discesa sul fianco opposto della ripidissima gola.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 89,61 KB</font id="size1">
Il sentiero e’ provvidenzialmente delimitato da delle corde che ci separano dal burrone sottostante (riga rossa).
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 75,6 KB</font id="size1">
Superata del tutto la gola si arriva sull’estremita’ superiore del Barbaluboden dove si incontra che scende dalla sinistra il sentiero per il Biv Hinderbalmo e il Pizzo Croce.
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 93,8 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 98,9 KB</font id="size1">
Da qui inizia la ripida discesa che in 30 minuti ci porta ai Burky (quest’ultimo tratto e’ descritto nei particolari nella sezione del Pizzo Croce)
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 71,4 KB</font id="size1">
borca99
Site Admin
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: mer apr 18, 2007 6:46 pm

Messaggioda borca99 » ven nov 04, 2011 4:02 pm

Un aggiornamento tratto dal sito del CAI di Macugnaga :

<b>Segnalazione su Sentiero Naturalistico </b>
In previsione dell'imminente stagione invernale alcuni volontari hanno effettuato l'annuale manutenzione del Sentiero Naturalistico che attraversa il ghiacciao del Belvedere , raggiunge l'alpe Fillar e torna a Macugnaga passando dall'Alpe RoffelStaffel.

In particolare è stato smontato il ponte sul ripido torrente appena sopra il BarbaluBoden per evitare che la neve lo spazzasse via e , per lo stesso motivo, sono state tolte le barre e la corda che delimitano il passaggio ne tratti più esposti. Per questo motivo vi invitiamo alla massima prudenza nel percorrere questo bellissimo tratto.
borca99
Site Admin
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: mer apr 18, 2007 6:46 pm

Messaggioda dreamer » ven nov 04, 2011 7:19 pm

aggiungo, per esperienza diretta, che normalmente il ponte viene ripristinato a primavera inoltrata, per cui per affrontare questo sentiero non in estate è opportuno chiedere preventivamente la percorribilità all'ufficio guide o al cai o alle seggiovie.

in assenza del ponte il guado può essere anche molto problematico; normalmente si riesce a passare spostandosi qualche metro a monte rispetto all'attraversamento attrezzato, ma la corrente è spesso molto impetuosa e poco a valle finisce in una gola profonda... in tali condizioni, una scivolata può causare danni enormi, quindi è <font color="red">assolutamente necessario</font id="red"> informarsi, valutare al momento le condizioni ed eventualmente <font color="red">tornare indietro</font id="red">... non è un disonore, se il rischio è elevato; il sentiero è sempre lì...
dreamer
 
Messaggi: 1405
Iscritto il: gio nov 10, 2005 2:30 pm
Località: Lombardia

Messaggioda FioPos » sab nov 05, 2011 1:41 pm

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">dreamer ha scritto:

aggiungo, per esperienza diretta, che normalmente il ponte viene ripristinato a primavera inoltrata, per cui per affrontare questo sentiero non in estate è opportuno chiedere preventivamente la percorribilità all'ufficio guide o al cai o alle seggiovie.

in assenza del ponte il guado può essere anche molto problematico; normalmente si riesce a passare spostandosi qualche metro a monte rispetto all'attraversamento attrezzato, ma la corrente è spesso molto impetuosa e poco a valle finisce in una gola profonda... in tali condizioni, una scivolata può causare danni enormi, quindi è <font color="red">assolutamente necessario</font id="red"> informarsi, valutare al momento le condizioni ed eventualmente <font color="red">tornare indietro</font id="red">... non è un disonore, se il rischio è elevato; il sentiero è sempre lì...
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

confermo in toto, guado provato sulla mia pelle l'estate 2010 a luglio (a quanto ci han detto dopo pare il ponte era stato portato via da una valanga a fine inverno...forse a seguito di quell'episodio ora lo smontano) e non e' stata una esperienza proprio piacevole... al di la' del mettere le chiappe nell'acqua gelida [:D]

saremo stati un'ora a decidere e valutare se tornare indietro o tentare, alla fine sondando con le racchette abbiamo trovato un punto dove l'acqua era più bassa ed è andata liscia... ma la sommando forza della corrente e gola sottostante non ero per niente tranquillo!
Solo al ritorno abbiamo fatto caso a un avviso a riguardo stampato su un foglio appeso alla partenza della seggiovia, cui non ci eravamo avvicinati all'andata non dovendola utilizzare... questo col senno di poi a riprova di come sia sempre meglio informarsi bene anche su itinerari collaudati e apparentemente tranquilli!
FioPos
 
Messaggi: 109
Iscritto il: ven ott 02, 2009 8:54 pm
Località: Lombardia

Messaggioda dreamer » sab nov 05, 2011 4:14 pm

...questo vuole anche dire che, evidentemente, non tutti gli escursionisti passano dalla seggiovia, ma magari si infilano nel sentiero verso la croce dei wasma da pecetto o seguono la strada dell'eliporto...

promemo per tutti:
- mettere un paio di cartelli in più, non solo alla seggiovia ma all'imbocco dei percorsi utilizzabili
- per noi escursionisti, tanto ci costa 5 minuti, dare sempre e comunque un'occhiata ai pannelli alla biglietteria delle seggiovie!!!
dreamer
 
Messaggi: 1405
Iscritto il: gio nov 10, 2005 2:30 pm
Località: Lombardia

Messaggioda bifune67 » mer gen 11, 2012 6:19 pm

A parte il ponte mi sembra di ricordare che quest'estate ci fosse una nota che segnalava il parziale franamento del tratto esposto (subito prima del ponte venendo da valle), e quindi la necessità di assicurazioni di tipo alpinistico.

Mi ricordo male? E' stato risistemato anche quello?

Bifune
bifune67
 
Messaggi: 193
Iscritto il: mer nov 30, 2005 4:20 pm
Località:

Messaggioda borca99 » mer gen 11, 2012 8:41 pm

Si bifune e' stato sistemato durante l'estate con una passerella di cemento. Ecco 3 foto scattate lo scorso autunno
Naturalmente bisogna fare attenzione ugualmente perche' lo strapiombo sottostante non e' male...[:D]
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 204,8 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 238,57 KB</font id="size1">
<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 256,12 KB</font id="size1">
borca99
Site Admin
 
Messaggi: 1087
Iscritto il: mer apr 18, 2007 6:46 pm

Messaggioda bifune67 » lun gen 16, 2012 8:07 pm

Grazie. Ottima notizia
bifune67
 
Messaggi: 193
Iscritto il: mer nov 30, 2005 4:20 pm
Località:


Torna a Reportage - Itinerari escursionistici - Sentieri

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron