Regolamento applicazione Tassa di Soggiorno


Regolamento applicazione Tassa di Soggiorno

Pubblicità

Pubblicità
 

Regolamento applicazione Tassa di Soggiorno

Messaggioda Administrator » mer giu 13, 2012 3:12 pm

<center>
</center>
<font color="blue"><font size="3"><b>REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL’IMPOSTA DI SOGGIORNO</b></font id="size3"></font id="blue">

<b>INDICE</b>
Articolo 1 – Principi generali
Articolo 2 – Istituzione e presupposto impositivo
Articolo 3 - Finalità dell'imposta
Articolo 4 – Soggetto passivo e Responsabile degli obblighi tributari
Articolo 5 – Misura dell’imposta
Articolo 6 - Esenzioni
Articolo 7 – Riduzioni
Articolo 8 – Versamento dell’imposta
Articolo 9 – Obblighi dei gestori delle strutture ricettive
Articolo 10 - Accertamenti
Articolo 11 – Sanzioni
Articolo 12 – Riscossione coattiva
Articolo 13 – Rimborsi
Articolo 14 – Contenzioso
Articolo 15 – Disposizioni finali
Articolo 16 – Entrata in vigore
______________________________________

<b><font size="3">Art. 1</font id="size3">
Principi generali</b>
1.Il presente regolamento è adottato nell'ambito della potestà regolamentare prevista dall'art. 52 del D. Lgs. 446/1997 per disciplinare l’applicazione dell’imposta di soggiorno di cui all'art. 4 del D. Lgs. 23/2011.
2.Nel Regolamento sono stabiliti il presupposto, i soggetti passivi dell’imposta, le esenzioni, gli obblighi del gestore delle strutture ricettivi e le misure delle sanzioni applicabili nei casi di inadempimento.

<b><font size="3">Art. 2</font id="size3">
Istituzione e presupposto dell’imposta</b>
1. L'imposta di soggiorno è istituita in base alle disposizioni previste dall'art. 4 del D. Lgs. 23/2011.
2. L'applicazione dell'imposta decorre dal 1 AGOSTO 2012.
3. L'imposta è corrisposta per ogni pernottamento nelle strutture ricettive ubicate nel territorio del Comune di Macugnaga;
4. Per strutture ricettive si intendono tutte le strutture alberghiere ed extra-alberghiere che offrono alloggio. Rientrano fra queste a titolo esemplificativo e non esaustivo: campeggi, villaggi turistici, agriturismi, area attrezzate per la sosta temporanea, ostelli, bed and breakfast, residence, case e appartamenti per vacanze, affittacamere, alloggi vacanze, case per ferie, residenze turisticoalberghiere e alberghi.

<b><font size="3">Articolo 3</font id="size3">
Finalità dell'imposta</b>
1. L’imposta riscossa è destinata al finanziamento degli interventi, previsti nel bilancio di previsione del Comune di Macugnaga, per il turismo, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali e ambientali, dei relativi servizi pubblici locali nonché cofinanziamento di interventi promozionali da realizzarsi in collaborazione con la regione e gli Enti pubblici territoriali.
2. Entro il 30.11 di ogni anno il Consiglio comunale dovrà essere relazionato sugli interventi realizzati o finanziati.
3. Le relazioni di cui al punto 2 del presente articolo, sono inviate telematicamente all’Osservatorio nazionale del turismo, istituito presso il Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo, com modalità da stabilire con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministro delegato, sentita la Conferenza Stato-Città ed autonomie locali.
Copia telematica delle relazioni di cui al periodo precedente è altresì trasmessa, a cura del Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo, al Ministero per i beni e le attività culturali, per quanto concerne gli interventi sui beni culturali.

<b><font size="3">Art. 4</font id="size3">
Soggetto passivo e Responsabile degli obblighi tributari</b>
1. L'imposta è dovuta dai soggetti che pernottano nelle struttura ricettive di cui all’articolo 2 e non risultano iscritti nell’anagrafe del Comune di Macugnaga.
2. Il soggetto responsabile degli obblighi tributari è il gestore della struttura ricettiva presso la quale sono ospitati coloro che sono tenuti al pagamento dell'imposta.

<b><font size="3">Art. 5</font id="size3">
Misura dell’imposta</b>
1. La misura dell'imposta è stabilita con deliberazione della Giunta Comunale.
2. Essa è graduata e commisurata con riferimento alla tipologia delle strutture ricettive definita dalla normativa regionale, che tiene conto delle caratteristiche dei servizi offerti dalle medesime. Per gli alberghi la misura è definita in rapporto alla loro classificazione in “stelle”.

<b><font size="3">Art. 6</font id="size3">
Esenzioni</b>
1. Sono esenti dal pagamento dell'imposta:
- 1. i minori fino al compimento del sesto anno di età
- 2. coloro che soggiornano nel periodo dal 10/01 al 10/02 e dal 01/10 al 30/11
- 3. portatori di handicap riconosciuti tali come previsto dalla L.104.
- 4. un soggetto per ogni gruppo pari o superiori a 20 persone (autista od accompagnatore).
2. L’imposta non si applica dal 16° giorno per soggiorni superiori a 15 giorni consecutivi senza interruzioni nelle strutture extralberghiere.

<b><font size="3">Art. 7</font id="size3">
Riduzioni</b>
E' applicata una riduzione pari al 20% dell'imposta per i soggetti passivi, facenti parte di un gruppo di almeno 20 persone, che pernottano nelle strutture alberghiere. Detta riduzione è concessa solo dietro presentazione, unitamente alla comunicazione di cui all’art.9, di apposita documentazione probatoria (fattura agenzia od altro).

<b><font size="3">Art. 8</font id="size3">
Versamento dell'imposta</b>
1. I soggetti che pernottano nelle strutture ricettive corrispondono al gestore della struttura l'importo complessivo dovuto a titolo d'imposta di soggiorno.
2.Il gestore della struttura ricettiva provvede alla riscossione dell'imposta, rilasciandone quietanza, per il successivo versamento al Comune di Macugnaga. E' consentito il rilascio di quietanza cumulativa per i gruppi organizzati e per singoli nuclei familiari.
3. Il gestore della struttura ricettiva dovrà conservare idonea documentazione delle quietanze rilasciate.
4. Il gestore della struttura ricettiva effettua il versamento al Comune di Macugnaga delle somme riscosse a titolo di imposta di soggiorno, entro il giorno sedici dalla fine di ciascun trimestre solare con le seguenti modalità:
- a) mediante bollettino postale o bonifico bancario;
- b) mediante versamento diretto presso il Tesoriere Comunale;
- c) tramite procedure telematiche;
5. Le somme da versare inferiori a € 50 potranno essere sommate al versamento successivo dandone debita informazione nella comunicazione di cui al successivo articolo.

<b><font size="3">Art. 9</font id="size3">
Obblighi dei gestori delle strutture ricettive</b>
1. I gestori delle strutture ricettive sono tenuti ad informare, in appositi spazi, i propri ospiti dell'applicazione, dell'entità e delle esenzioni e riduzioni dell'imposta di soggiorno.
2. I gestori delle strutture ricettive hanno l'obbligo di presentare trimestralmente una comunicazione al Comune di Macugnaga riportante:
- a) il numero di coloro che hanno pernottato presso la propria struttura nel corso del trimestre precedente;
- b) il relativo periodo di permanenza;
- c) il numero dei soggetti esenti in base al precedente art.6;
- d) le eventuali riduzioni applicate in base al precedente art. 7;
- e) l'imposta dovuta;
- f) gli estremi del versamento di cui al precedente art. 8;
- g) nonché eventuali informazioni utili ai fini del computo della stessa.
- h) Eventuali importi non versati da cumularsi al trimestre successivo;
3. La comunicazione è effettuata sulla base della modulistica predisposta dal Comune ed è trasmessa al medesimo anche in via telematica, trimestralmente entro il giorno 16 del mese successivo al trimestre di riferimento.

<b><font size="3">Art. 10</font id="size3">
Accertamenti</b>
1. Ai fini dell’attività di accertamento sull’imposta di soggiorno si applicano le disposizioni di cui all’articolo 1, commi 161 e 162 della Legge 27.12.2006, n. 296.
2. Il Comune effettua tramite l’ufficio di vigilanza il controllo dell'applicazione e del versamento dell'imposta di soggiorno, nonché della presentazione delle comunicazioni di cui all'art. 9.
3. Il controllo è effettuato utilizzando i vari strumenti previsti dalla normativa per il recupero dell'evasione ed elusione. Il Comune, ove possibile previa richiesta ai competenti uffici pubblici, di notizie ed elementi rilevanti nei confronti dei soggetti passivi e dei gestori delle strutture ricettive con esenzione di spese e diritti, può:
· invitare i soggetti passivi e i gestori delle strutture ricettive ad esibire o trasmettere atti e documenti;
· inviare ai gestori delle strutture ricettive questionari relativi a dati e notizie di carattere specifico, con invito a restituirli compilati e firmati.

<b><font size="3">Art. 11</font id="size3">
Sanzioni</b>
1. Le violazioni al presente regolamento sono punite con le sanzioni amministrative irrogate sulla base dei principi generali dettati, in materia di sanzioni tributarie, dai D. Lgs. 18 dicembre 1997, n. 471, 472, 473, nonché secondo le disposizioni del presente articolo.
2. Per l’omesso, ritardato o parziale versamento del tributo, si applica la sanzioni amministrativa pari al 30% (trenta per cento) dell’importo non versato, ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 471/1997.
Al procedimento di irrogazione della sanzioni di cui al presente comma si applicano, altresì, le disposizioni di cui agli articoli 9 e 17 del D. Lgs. 472/1997.
3. Per l’omessa, incompleta o infedele comunicazione di cui all'art. 9 comma 2, alle prescritte scadenze, da parte del gestore della struttura ricettiva, si applica la sanzioni amministrativa pecuniaria da 150 a 500 euro, ai sensi dell’articolo 7 bis del D. Lgs. 267/2000. Al procedimento di irrogazione della sanzioni di cui al presente comma si applicano le disposizioni delle Legge 689/81.
4. Per la violazione all'obbligo di informazione di cui all'art. 9 comma 1, da parte del gestore della struttura ricettiva, si applica la sanzione pecuniaria da 25 a 100 euro, ai sensi dell’articolo 7 bis del D. Lgs. 267/2000. Al procedimento di irrogazione della sanzioni di cui al presente comma si applicano le disposizioni delle Legge 689/81.
5. Sulle somme dovute per imposta si applicano gli interessi ai sensi art. 1 comma 165 della Legge 27.12.2006, n. 296.

<b><font size="3">Art. 12</font id="size3">
Riscossione coattiva</b>
Le somme accertate dall’amministrazione a titolo di tributo, sanzioni ed interessi, se non versate entro il termine di sessanta giorni dalla notificazione dell’atto, sono riscosse coattivamente, salvo
che sia stato emesso provvedimento di sospensione.

<b><font size="3">Art. 13</font id="size3">
Rimborsi</b>
1. Nei casi di versamento dell'imposta di soggiorno in eccedenza rispetto al dovuto, l'importo può essere recuperato mediante compensazione con i pagamenti dell'imposta stessa da effettuare alle
successive scadenze. Gli estremi della compensazione effettuata sono riportati nella comunicazione di cui al precedente art. 9.
2. Nel caso in cui i versamenti di cui al comma precedente non siano stati compensati può essere richiesto il rimborso, entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento ovvero da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto alla restituzione.
3. Sulle somme da rimborsare si applicano gli interessi ai sensi art. 1 comma 165 della Legge 27.12.2006, n. 296.
4. Non si procede al rimborso dell'imposta per importi pari o inferiori a 10 euro.

<b><font size="3">Art. 14</font id="size3">
Contenzioso</b>
Le controversie concernenti il tributo di soggiorno sono devolute alla giurisdizione delle Commissioni Tributarie ai sensi D.Lgs. 546/1992.

<b><font size="3">Art. 15</font id="size3">
Disposizioni finali</b>
Per tutto quanto non previsto dal presente regolamento si fa riferimento alle disposizioni vigenti e a quelle che saranno emesse in ordine all’imposta in questione ed ai tributi in generale.

<b><font size="3">Art. 16</font id="size3">
Entrata in vigore</b>
1. Il presente regolamento entra in vigore entro la data fissata dalla normativa vigente per la deliberazione del bilancio di previsione.
2. Il regolamento ha efficacia decorsi quindici giorni dalla pubblicazione nell’albo pretorio di cui all’articolo 124 del decreto legislativo 18 aprile 2000, n. 267.
3. Le misure di imposta si intendono prorogate di anno in anno, in mancanza di delibere di variazione adottate nei suddetti termini.
4. Il medesimo regolamento è, altresì, pubblicato, per esteso, dal Comune sul proprio sito informatico e trasmesso al Ministero delle Finanze.
<hr noshade size="1">
<b><font color="red">Documenti scaricabili in PDF</font id="red">:
<font size="3">- [url="/Public/data/Administrator/2012613122639_Delibera_IMPOSTA-SOGGIORNO_2012-000319-1.pdf"]APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO</b>[/url]

- [url="/Public/data/Administrator/2012613122916_Delibera_IMPOSTA-SOGGIORNO_Regolamento.pdf"]<b>Regolamento dell'applicazione della Tassa di Soggiorno</b>[/url]
</font id="size3">
Administrator
 
Messaggi: 520
Iscritto il: ven set 09, 2005 5:17 pm
Località:

Messaggioda Administrator » mar ago 07, 2012 2:53 pm

<b><font size="3">COMUNE DI MACUGNAGA PROVINCIA DI VB</font id="size3">

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.46 DEL 31/07/12</b>

<b>TESTO DELLA PROPOSTA
<u>OGGETTO PROPOSTO: MODIFICA ART. NN. 6 E 7 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL'IMPOSTA DI SOGGIORNO.</u></b>
Richiamato il regolamento comunale per la disciplina dell’imposta di soggiorno approvato con delibera di C.C. n.29 del 05.06.2012.;
Ritenuto di integrare il comma 2 dell’art. 6 estendendo l’esenzione dell’imposta per soggiorni superiori a 15 giorni anche alle strutture alberghiere;
Ritenuto, inoltre, integrare l’art.7 specificando che la riduzione si applica per i soggetti facenti parte di un gruppo di almeno 20 persone che non rientrino nei casi esenti di cui all’art.6;
Dato atto che, ai sensi dell'art. 49 del Dlgs n. 267/2000 sono stati richiesti e formalmente acquisiti agli atti i pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica e contabile del presente atto, espressi dai responsabili dei servizi interessati;

<b>PROPONE DI DELIBERARE</b>
<b>1)</b> Di modificare il regolamento comunale per la disciplina dell’imposta di soggiorno approvato con delibera C.C. n.29 del 05.06.2012 estendendo l’esenzione del tributo per soggiorni superiori a 15 giorni anche alle strutture alberghiere e specificando che si applica la riduzione per i soggetti facenti parte di un gruppo di almeno 20 persone che non rientrino nei casi esenti di cui all’art.6.
<b>2)</b> Di dare atto che il dispositivo dell’art. 6, comma 2 è così modificato: “ L’imposta non si applica dal 16° giorno per soggiorni superiori a 15 giorni consecutivi senza interruzioni.“.
<b>3)</b> Di dare atto che il dispositivo dell’Art. 7 è così modificato: “E' applicata una riduzione pari al 20% dell'imposta per i soggetti passivi, facenti parte di un gruppo di almeno 20 persone, (non rientranti nelle fattispecie di esenzione di cui all’art.6), che pernottano nelle strutture alberghiere. Detta riduzione è concessa solo dietro presentazione, unitamente alla comunicazione di cui all’art.9,di apposita documentazione probatoria (fattura agenzia od altro ).”
<b>4)</b> Di approvare le integrazioni e modifiche agli artt. 6 e 7 del regolamento comunale per la disciplina dell’imposta di soggiorno.
Inoltre, rappresentata l’urgenza di provvedere, si propone che l’atto venga dichiarato immediatamente eseguibile a termine dell’art. 134 comma 4° del T.U. D.Lgs. 267/2000.

<b>IL PRESIDENTE</b>
Illustra la proposta il vicesindaco.

<b>IL CONSIGLIO COMUNALE</b>
Visto che sulla proposta di deliberazione relativa all’oggetto ai sensi dell’art. 49 del T.U. D.Lgs. n.267 del 18.08.2000 ha espresso:
- Il responsabile del servizio interessato – parere favorevole, per quanto concerne la regolarità tecnica;
Vista la proposta di deliberazione;
Ritenuto dover deliberare in merito;
Visto il D.Lgs. n.267 del 18.08.2000;
Visto l'esito della votazione che, espressa per alzato di mano, ha dato esito favorevole;

<b>D E L I B E R A</b>
Di approvare integralmente la proposta di deliberazione ed in particolare il dispositivo ivi contenuto.
Con successiva e separata votazione per alzata di mano, ad esito unanime;

<b>IL CONSIGLIO COMUNALE</b>
Dichiara la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell’art.134 – 4° comma - del D.lg. n.267 del 18.08.2000
<hr noshade size="1">
<b>Documento scaricabile in PDF</b>: [url="/Public/data/Administrator/20128713245_Delibera_IMPOSTA-SOGGIORNO_Modifica_31-07-12..pdf"]Delibera_IMPOSTA-SOGGIORNO_Modifica_31-07-12..pdf[/url]
Administrator
 
Messaggi: 520
Iscritto il: ven set 09, 2005 5:17 pm
Località:

Messaggioda marco51 » mer ago 08, 2012 8:14 pm

La mia opinione sara' forse definibile liberista ma la giunta non capisce che e' come fare un salasso ad un anemico propongo loro un corso intensivo di economia del turismo , comunque alberghi e affittacamere ringraziano e spero si ricordino alle prox ...
Avatar utente
marco51
 
Messaggi: 757
Iscritto il: dom nov 01, 2009 1:08 pm
Località:


Torna a Comunicati ufficiali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron