costruzioni funiviarie da record


Pubblicità

Pubblicità
 

Messaggioda dreamer » dom apr 17, 2011 9:32 pm

dal momento che la categoria è 'siti interessanti', immagino che il sito interessante in questione sia www.funivie.org... confermo. tra l'altro è utile per avere un metro di paragone con le altre realtà e gli altri impianti.

detto questo, da semi-appassionato del genere (sono anch'io utente del sito summenzionato), trovo alcuni grossolanissimi errori nel brano preso di peso dal sito de 'la stampa' e inserito qui.

1) il roosevelt tram di new york è una funivia, non una cabinovia, tra l'altro rinnovata proprio quest'anno - come da esauriente reportage su www.funivie.org;
2) il mercato non è suddiviso in due gruppi; è più corretto dire che due gruppi fanno la parte del leone (90% e più del fatturato), lasciando ai 'piccoli' (tra cui la ccm, che ha fatto ad esempio la seggiovia del moro) le briciole;
3) per quanto riguarda il '3S', l'estensore dell'articolo lo confonde con il funifor, che prevede appunto intervie larghe e grande resistenza al vento;
4) quella di new york mi risulta essere una 'variante' di una funivia, non un funifor nè tantomeno un 3S;
5) la cabina scorre sulle funi portanti, non ne è ancorata; è ancorata invece alla traente;
6) a perugia e venezia ci sono i 'minimetro', non funicolari; e nemmeno a capri mi pare che ce ne siano (c'era una cabinovia, non so ora).

insomma, capisco che per un lettore medio - disinteressato all'argomento - quanto scritto può essere più che sufficiente; ma per chi 'mastica' un po' le cose, l'articolista è decisamente da rimandare a settembre.

...o meglio: da rimandare per un ripasso approfondito su www.funivie.org!
dreamer
 
Messaggi: 1405
Iscritto il: gio nov 10, 2005 2:30 pm
Località: Lombardia

Messaggioda bifune67 » gio mag 05, 2011 6:17 pm

Solo una precisazione sul 3S: l'idea non è italiana, ma svizzera, e nasce per le funivie, dove raddoppiando le portanti e appoggiando la traente sui cavallotti si ottengono molti vantaggi: maggior stabilità al vento, maggiore portata, meno rischi di accavallamento funi (con pericolo di tranciamento, vedi Cavalese).

Più di recente questa tecnologia è stata "portata" (sempre dagli svizzeri, anche se ora i dominatori del mercato sono i due citati) nelle cabinovie ad agganciamento, moltiplicando i vantaggi: campate più lunghe e portate più alte (girano cabine da 30 persone, più grandi della nostra funivia del Bill).

E' italiana invece la prima cabinovia 3S pulsée (quella del Renon), in cui le cabine rallentano in linea quando una sta entrando / usecndo dalle stazioni, dove c'è (quasi) sempre una cabina ferma.

La nuova Roosevelt è una funivia 3S (due portanti e una traente) che utilizza alcuni elementi del funifor: portanti molto larghe, per assoluta stabilità al vento, e anelli traenti indipendenti per le due linee (così ne può funzionare anche una sola in caso di guasto). L'anello traente però non è a doppio anello come invece avviene nel funifor.
bifune67
 
Messaggi: 193
Iscritto il: mer nov 30, 2005 4:20 pm
Località:

Messaggioda bifune67 » lun giu 06, 2011 2:46 pm

Quello che ho riportato è proprio il sunto delle discussioni su funivie.org, dove ci sono anche le monografie dettagliate di tutti gli impianti citati (dimenticavo: la prima cabinovia 3S è quella di Saas Fee, quindi molto vicina a noi...)
bifune67
 
Messaggi: 193
Iscritto il: mer nov 30, 2005 4:20 pm
Località:


Torna a Siti interessanti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron