PIU' posti letto o PIU' qualita' ?


PIU' posti letto o PIU' qualita' ?

Pubblicità

Pubblicità
 

PIU' posti letto o PIU' qualita' ?

Messaggioda meccia » mer ott 20, 2010 1:44 pm

<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 59,61 KB</font id="size1">

quale puo' essere la strada oggi (a.d.2010)?
nel contesto del distretto turistico dei laghi, con le valli limitrofe sempre piu' sul mercato , dove si colloca macu ?
vips che optano per crans , sciatori ad alagna, è davvero il low cost la risposta?
.....aumentare il numero di posti letto, industrializzando l'offerta o specializzarsi sulle fasce medio alte ?
piu' quattro stelle (come gia' chiesto in passato dall'amministrazione comunale) o piu' bed&breakfast ?

altro:
<font color="black"><font face="Book Antiqua"> (AzzurraTV del 08/08/09)

IL LOW COST SALVA LA STAGIONE
Giugno in sordina, luglio così così, agosto in ripresa. Così, la fotografia delle presenze turistiche ai laghi ed ai monti in questa estate 2009. Crisi e maltempo, poi, non hanno certo contribuito ad invogliare gli indecisi. Ma la politica del “low cost” ha premiato gli operatori del settore e per Ferragosto si prevede, un po' ovunque, il tutto esaurito. La riduzione dei prezzi anche in strutture medio – alte hanno da un lato favorito il protrarre la vacanza da parte di quanti avevano già riservato e, dall'altro, spronato al break coloro i cui conti non tornavano. “Sono 21 gli uffici di Informazione del Distretto Turistico dei Laghi, Monti e Valli” – spiega il Presidente Antonio Longo Dorni – “e in questi giorni sono presi d’assalto dai turisti grazie anche al richiamo di pacchetti low cost proposti dagli operatori in accordo con Distretto e Regione Piemonte”. [..]
Unica nota negativa con Macugnaga che registra un calo del 10% di turisti rispetto allo scorso anno. E anche per agosto le prenotazioni segnano un meno 20%.</font id="Book Antiqua"></font id="black">


ps.il cinque stelle di st moritz nella foto ha, nel suo sito, opzione lingua dal giapponese al russo.... ma non l'italiano!!!
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Messaggioda tiger652 » mer ott 20, 2010 7:21 pm

Un'altra bella osservazione del nostro meccia (centri sempre argomenti molto interessanti su cui far partire belle discussioni!).
Dico la mia, conoscendo un poco (non come voi!) Macugnaga. Secondo me servono entrambe le cose. Più qualità per attirare clientela esigente; esistono oggi a Macu alberghi molto costosi rispetto ad altre località montane, forse per la solita scusa del "panorama della est", ma che probabilmente non soddisfano molto le persone; forse per questi posti sarebbe il caso di elevare la qualità (senza rendere gli alberghi delle reggie, però...).
Dall'altra servono anche più posti letto per persone che non hanno possibilità economiche immense: per cui qualche bed&breakfast e qualche albergo alla portata anche a Staffa, per accontentare tutti.
Il tutto, secondo il mio parere, senza esagerare.
Già, ma forse sarebbe troppo...
Aspetto altri commenti!
tiger652
 
Messaggi: 348
Iscritto il: mer apr 15, 2009 4:11 pm
Località: Lombardia

Messaggioda dvide f 3 » mer ott 20, 2010 8:36 pm

Sono d'accordo, Macugnaga ha bisogno di entrambe le cose. Di grandi alberghi ne basterebbe uno, che offra, però, tutti i confort necessari, per renderlo meta di una ristretta fascia elitaria di clientela. Un albergo in grando di ospitare anche conferenze e meeting, che diventi insomma un punto di riferimento (nelle varie Davos e St.Moritz spesso si tengono importanti meeting con la presenza di importantissime personalità mondiali). L'amministrazione comunale ha più volte fatto capire di voler ampliare l'offerta per le fasce medio alte (anche il famosissimo trenino Walser Express sarebbe stato concepito, prevalentemente per questa fascia di clientela).

Al contempo, servono anche strutture low-cost, alberghetti e bed & breakfast che possano ospitare le famiglie e i gruppi di giovani. Creare strutture per questa fascia di clientela è, secondo me, fondamentale, perchè è proprio questo tipo di clientela che in inverno può trovarsi molto bene sulle piste da sci ed in estate scoprire le tante meravigliose passeggiate ed escursioni. L'offerta sciistica di Macugnaga non potrà mai essere alla pari di quella dei vari Zermatt, St.Moritz, Davos... Ed infatti anche i prezzi degli skipass sono di gran lunga inferiori, un giornaliero festivo a macu costa sui 20 euro in meno di uno fatto a st.moritz, quindi per aumentare la frequentazione degli impianti sciistici è necessario creare struttre con prezzi concorrenziali, ma che offrano comunque un servizio di buona qualità (per esempio in Alto Adige ci sono pensioni da 50 euro a notte, dove si viene trattati comunque benissimo).
dvide f 3
 
Messaggi: 226
Iscritto il: gio dic 20, 2007 5:32 pm
Località: Lombardia

Messaggioda emiliano » gio ott 21, 2010 11:41 am

Come già detto io lavoro nel campo alberghiero congressuale e in parte sono in acordo con voi ma io opterei soprattutto per alberghi almeno di 4 stelle e come dice dvide possibilmente con vocazione congressuale, sfruttando la vicinanza a Milano e soprattutto a Malpensa, naturalmente non dimanticando il turismo Low Cost, però ricordiamoci che in Trentino le pensioni offrono tantissimo (piscina interna, piccole SPA, ristoranti di qualità ecc) a un costo inferiore a gli hotel presenti a Macugnaga oggi che sono a mio parere, la maggior parte, indecenti.
emiliano
 
Messaggi: 92
Iscritto il: mar gen 13, 2009 3:19 pm
Località:

Messaggioda meccia » gio ott 21, 2010 12:24 pm

.......siete gente davvero costruttiva, lo scambio d'opinioni con voi è sempre molto interessante.
stiamo arrivando al punto: quali target per decidere su dove puntare.
ok il b&b rivolto ai "passanti" del tmr o per gli olandesi che salgono dal lago (per gli sciatori forse meglio la 1/2p,no?).
ok il 4 stelle (uno.... penso sia gia' ambizioso) per vip e congressi (anche se con stresa vicina, i congressi li vedo
a rischio).
verissimo l'INDISPENSABILITA' di "togliere" un po' di polvere dai 3 stelle; primo passo nel ruolino di marcia di una realizzabile politica di offerta turistica (tutto il resto è fuffa).ma piu' in la':
cosa fare quindi ? limitarsi alle promozioni sulle prenotazioni ? cercare altri cavalieri bianchi (russi,arabi,inglesi)?
altre panacee del centrostudifantatecnosocioconsulting ? e a chi spetta l'incentivazione (anche economica) di quei pochi
albergatori che reinvestono.......o come smuovere quei proprietari di strutture alberghiere che, per anni, hanno riscosso pingui affitti dai gestori ed oggi preferiscono aspettare la "riconversione" in seconde case
?

passo
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Messaggioda tiger652 » gio ott 21, 2010 2:05 pm

Non conoscendo molto il settore alberghiero e tutto quello che sta attorno, non posso azzardare risposta alle tue domande.
Sicuramente comunque il punto centrale l'hai preso, e cioè togliere la polvere dai tre stelle, che si fanno pagare per quattro e offrono servizi da due.
I miei sono andati una settimana a Gressoney, si sono serviti di un tre stelle con prezzi abbordabilissimi e hanno avuto un'ottimo servizio, in particolare cucina e palestra (che per mia mamma necessita).
Forse partire da qua sarebbe veramente il caso: tre stelle che siano tre stelle, con qualche svago per il cliente e nulla più, e con prezzi che corrispondano all'offerta e non al "panorama della est".
E poi quattro stelle degni di esser chiamati così, quindi qualche alergo di "lusso", dotato di tutti i comfort che un posto del genere richiede.
Per gli sciatori, si forse la mezza pensione va bene, ma teniamo anche conto che i bad&breakfast andrebbero molto d'estate, quando la gente una volta messa fuori la testa camminando per montagne rientrerebbe solo a tarda sera; e poi pensiamo all'indotto dei bad&breakfast!
Il tutto però senza intaccare lo stile di Macugnaga, per cui senza realizzare "casermoni" presenti a Cervinia o a Sestriere; insomma, senza rompere l'equilibrio paesaggistico della nostra MACU!
tiger652
 
Messaggi: 348
Iscritto il: mer apr 15, 2009 4:11 pm
Località: Lombardia

Messaggioda dvide f 3 » gio ott 21, 2010 5:21 pm

Per quanto riguarda l'offerta invernale, sono d'accordissimo sul fatto che ci sia da puntare sulla mezza pensione, quindi sul rivitalizzare i 3 stelle, perchè quelli che ci sono oggi non sono al passo con i tempi. I bed & breakfast, comunque sono da sviluppare, perchè in estate sono fondamentali per gli escursionisti, quelli del tmr e non solo ed anche in inverno potrebbero avere la loro utilità. Ed avere solo 30 km di piste da sci, non significa esser costretti a puntare solo sul turismo "mordi e fuggi", con un po' di organizzazione, ed una sinergia tra albergatori, Comune, società impianti, scuole sci si può diventare benissimo meta ideale anche per le settimane bianche, anche con impianti di risalita un po' vecchiotti, se si facessero delle offerte competitive, vista la vicinanza con la pianura lombarda, di gente ne verrebbe. Basterebbe creare dei pacchetti comprensivi di mezza pensione in hotel+skipass a prezzi vantaggiosi e competitivi.

Per quanto riguarda il turismo congressuale, secondo me, Macugnaga e Stresa, non si farebbero concorrenza ma potrebbero completarsi.

Ovviamente il tutto andrebbe sviluppato, come dice tiger, senza seguire l'esempio dei vari sestriere e cervinia.
dvide f 3
 
Messaggi: 226
Iscritto il: gio dic 20, 2007 5:32 pm
Località: Lombardia

Messaggioda Johnny » gio ott 21, 2010 9:01 pm

Prima di pensare ai posti letto, io penserei alla cura del territorio, elemento che è andato in pauroso calando soprattutto agli occhi di chi ci va da n-mila anni.

E' inutile sistemare alberghi e posti letto se non sistemi rifugi, sentieri, ferrate, impianti e tutto il cinema organizzativo e divulgativo che ci dovrebbe stare intorno.

Sarò ripetitivo ma il modello dovrebbe essere il Trentino: l'ultimo dei ritronati o dei bimbi piccoli (purchè sappiano leggere un cartello) può girare per n-mila chilometri sentieri senza sorprese, anche sopra i 2400 metri.

A Macu girare per i monti se non si è già esperti del luogo può riservare sgradevoli sorprese, basti mettersi nei panni del turista della domenica chi si trova il sentiero interrotto da avanzi di valanga (penso all'ex-sentiero per hinderbalmo-sella che sta sotto costa partendo da pecetto, ad esempio); tornerà indietro e sarà inferocito come un muflone.
L'acqua è un'incognita.
I bivi, anche quelli principali, non sono segnalati.
Mancano comunicazioni aggiornate per lo meno settimanalmente sullo stato dei sentieri.
Dei rifiuti si è già parlato; quest'estate, in pieno agosto (= piena stagione turistica) la plastica non è stata rimossa per quasi 40 giorni, vi lascio immaginare cosa ha combinato la giornata con la tempesta di vento (letti di fiumi e prati pieni di rifiuti di plastica).
Vecchie glorie come la traversata dei camosci sono in totale abbandono.

Io ripartirei da qui, prima che dai posti letto e dalle stelle degli alberghi.
Chi va per i monti è molto meno esigente di chi va in Costa Smeralda, di solito.

Ciao!
Johnny
 
Messaggi: 16
Iscritto il: mar gen 12, 2010 8:49 pm
Località: Val D'Aosta

Messaggioda meccia » gio ott 21, 2010 10:02 pm

????????? fortunatamente a macu non vengono solo gli zuavacamiciascacchi .ma tutti gli amanti di macu e della montagna (che non necessariamente debbono essere la stessa cosa).
sentieri e cartelli ok .........ma anche alberghi che rispondano alle attese, no? altrimenti che rinuncino alle stelle e scendano al ruolo di rifugi ,no? e poi ........dai è tardi. magari domani ne riparliamo
ciao
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Messaggioda pitoro » ven ott 22, 2010 4:39 am

Aggiungo la mia, anche se nei post che mi hanno preceduto c'è già tutto quel che serve.

La premessa è che si vuole pubblico occorrono posti letto a rotazione, invece a Macu diminuiscono.

Queste camere devono avere un ottimo rapporto qualità prezzo. Oggi Macugnaga NON è più nelle condizioni di praticare prezzi medio-alti. Deve guardare cosa fa la concorrenza e a parità di servizi chiedere qualcosina in meno. Brutto a dirsi ma è Macu che deve recuperare posizioni.

La riqualificazione degli attuali due e tre stelle è indispensabile. Se uno di noi ha un amico che vuole stare davvero bene, dove lo manda oggi?

Il quattro stelle altrettanto. Per cominciare ne basterebbe uno, con un buon ristorante, una Spa di medio livello e un buon programma di intrattenimento/accompagnamento degli ospiti. Per rimanere su tariffe concorrenziali (doppia max 150 euro a notte, Capodanno escluso) occorre una struttura di almeno 30/40 camere con un riempimento medio del 70/75%. Mica facile, ma neppure impossibile.

I Vip da 300 euro a notte sanno già dove andare, si muovono in branco e per il momento ce li sognamo. Oppure stanno nelle seconde case ospiti di amici. Secondo me non vale la pena puntare su quelli.

La riqualificazione/valorizzazione dell'offerta sportiva ed escursionistica deve andare di pari passo. Senza guardare alla luna, non occorre. Ma un po' di attenzione in più non guasterebbe
pitoro
 
Messaggi: 277
Iscritto il: mar apr 14, 2009 3:10 am
Località:

Messaggioda popi farina » ven ott 22, 2010 11:20 am

parole....parole....parole.... ma avete una minima idea dei costi di una eventuale riqualificazione di un albergo che dovrebbe sostenere un privato ??? Piedi per terra per favore.
popi farina
 
Messaggi: 88
Iscritto il: dom lug 22, 2007 8:32 pm
Località: Liguria

Messaggioda andy2512 » ven ott 22, 2010 11:57 am

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">popi farina ha scritto:

parole....parole....parole.... ma avete una minima idea dei costi di una eventuale riqualificazione di un albergo che dovrebbe sostenere un privato ??? Piedi per terra per favore.
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

tanto...però spendere 20-25M Euro per mettere sauna,bagno turco e tinozza per l'idromassaggio sicuramente garantirebbe maggiore afflusso di clienti, l'uso gratuito della piscina comunale (che rischia di diventare la cattedrale nel deserto) e una cena in motoslitta al Burki sarebbero un altro incentivo a venire per qualche giorno a Macugnaga.
Poi il comune potrebbe pensare di mettere un paio di gonfiabili alla partenza della seggiovia di Pecetto e creare un baby parking per tutti quei bambini che smesso di sciare con il maestro non sanno più cosa fare.

Come vedi sono poche cose, ma utili per attirare tutte quelle famiglie che come ma non hanno mai trovato a Macugnaga uno sfogo per i figli
andy2512
 
Messaggi: 657
Iscritto il: mar ott 12, 2010 6:27 pm
Località: Piemonte

Messaggioda pitoro » ven ott 22, 2010 4:34 pm

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">popi farina ha scritto:

parole....parole....parole.... ma avete una minima idea dei costi di una eventuale riqualificazione di un albergo che dovrebbe sostenere un privato ??? Piedi per terra per favore.
</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

Sì, lo so. Con assoluta precisione.
Così come so che il turista se ne strafrega. Va dove ci sono le comodità che gli interessano al prezzo che è disposto a spendere.

Poi se vuoi faccio il secondocasista tipico delle Alpi occidentali: meno gente c'è in giro più sto tranquillo e sono felice. Non ho bisogno di hotel, di ristoranti (la spesa la faccio a casa prima di partire), di bar (ho il mio prato dove sedermi con gli amici). E se ho bisogno di un lavoro chiamo un artigiano di via.

Questo è il modello prevalente a Macugnaga. Piace a chi ne usufruisce, ma non genera sviluppo.

Tutte le imprese del mondo per stare a galla investono su aggiornamento e sviluppo. Altrimenti escono dal mercato. Inevitabilmente.
pitoro
 
Messaggi: 277
Iscritto il: mar apr 14, 2009 3:10 am
Località:

Messaggioda andy2512 » ven ott 22, 2010 4:56 pm

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">pitoro ha scritto:
Poi se vuoi faccio il secondocasista tipico delle Alpi occidentali: meno gente c'è in giro più sto tranquillo e sono felice. Non ho bisogno di hotel, di ristoranti (la spesa la faccio a casa prima di partire), di bar (ho il mio prato dove sedermi con gli amici). E se ho bisogno di un lavoro chiamo un artigiano di via.

Questo è il modello prevalente a Macugnaga. Piace a chi ne usufruisce, ma non genera sviluppo.

Tutte le imprese del mondo per stare a galla investono su aggiornamento e sviluppo. Altrimenti escono dal mercato. Inevitabilmente.


</span></td></tr></table></div align="center" id="quote2">

ed infatti dopo anni di turismo casa in affitto o albergo...mi sono comprato casa! [:)]
andy2512
 
Messaggi: 657
Iscritto il: mar ott 12, 2010 6:27 pm
Località: Piemonte

Messaggioda meccia » ven ott 22, 2010 5:39 pm

no, no..........mica si fa così!
non dimenticate chi siete! voi siete quelli del forum di macugnaga!! micapizzaefichi !!!

@ popi : parole...parole...parole???? e che ti aspetti da un forum? prima che i miei ILLUSTRISSIMI soci fondassero questo sito/forum c'erano solo lamenti e critiche.oggicome minimo c'è curiosita'ed un minimo di confronto. noi siamo qui per questo e se ti fosse sfuggita la cosa questo topic (con altri passati ed a venire) sono il metodo PIU'EDUCATO,IMPARZIALE e DEMOCRATICO per creare dei presupposti di dialogo fra le parti . non per trovare soluzioni(troppo ambizioso, forse). per uscire dai normali stereotipi di politiche turistiche che non possono funzionare in ogni dove. AI "BISOGNEREBBE"... CHE NON SI SA MAI CHI DOVREBBE FINANZIARE (LO STATO????). nello specifico di questo topic, passo dopo passo, confronto dopo confronto, stiamo evidenziando le lacune e le prospettive del sistema alberghiero macugnaghese. e nella speranza che tu sia uno di quei genovesi proprietari di immobili ad albergo, noi siamo qui per dirti che forse si puo' ripensare a nuove strade.
detto cio':
se ribadiamo la "spolverata" alle stelle ,la necessita' di un 4stelle, l'utilita' di una politica tariffaria ad hoc i b&b.
possiamo mettere altra carne sul fuoco?
- una ricerca selettiva di potenziale cavaliere bianco per 4 stelle dandogli carta bianca su molte cose?
- detassare tutti gli utili reinvestiti dai proprietari e deburocratizzazione dei permessi ?
- compensare gli investimenti in ristrutturazioni dei gestori con sconti sugli affitti
- scuole sci+ impianti+ alberghi.........ce lo prendiamo un caffe' e parliamo di pacchetti promozionali?
- (e tenetevi forte) quintuplicazione temporale dei vincoli commerciali (nasci albergo ci rimani almeno 100 anni!!!(PROVACAZIONE nèèèè))

ed altro ancora che tratteremo piu' avanti
@ andy ottima quella dei gonfiabili .......anche se speriamo che si ritorni, col campo scuola, al tiglio (col sole!!!!)
@ pitoro ottima quella dei posti letto a rotazione, d'accordo poi sui vip da albergo (mi costera' fatica rinunciare alla potenziale presenza di modelle ed attrici... per macu...).ma ti prego non mi accoltellare di nuovo ...no .....il secondacasistamenogentec'èmeglioè ,no quello no. non da te. se vuoi scambiamo le cartoline in bianco e nero di macu anni 70 ...ma il turismo ci vuole (non troppo nèèèè)


à la prochaine
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Prossimo

Torna a Macugnaga domani

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite