architettura walser


architettura walser

Pubblicità

Pubblicità
 

architettura walser

Messaggioda meccia » mar mar 04, 2008 10:13 pm

<b>Immagine:</b>

<font size="1"> 155,28 KB</font id="size1">


un altra risorsa di macugnaga e' la stupenda architettura walser che caratterizza la maggior parte delle case in tutte le frazioni.chi di voi non ha praticato lo sport "sciogli zuccheri" della passeggiata dopo pranzo (o dopo basaletti ).un bel tour fra le antiche case walser che trasudano storia ,o quelle ristrutturate ad arte e colorate con magnifici gerani d'estate o coperte di neve con le finestrelle illuminate: uno spettacolo.non meno belli sono anche gli alberghi in stile alpino di inizio secolo (scorso)che hanno ospitato
alpinisti inglesi come nobili italiani.anche se ora son chiusi o riconvertiti ad edilizia privata.
la presenza di queste opere d'arte a cielo aperto non va solo tutelato ma penso che tutto cio' che viene edificato ex novo deve solo (e puo' solo)fare da cornice alla storia del paese ecco perche' credo che debba essere fatta particolare attenzione ,dall'amministrazione, nel preferire,vincolare e supportare tutti quei progetti per la residenza privata che riprendano la falsa riga walser anche e soprattutto nella riconversione degli alberghi . anche se sono un secondacasista tengo a precisare che barattare l'edificabilita' degli alberghi dismessi con la ristrutturazione e la riapertura di parte degli stessi sia cosa giusta ed intelligente.attenzione pero' ad istituire vincoli permanenti e non decennali ,che spesso alcuni imprenditori lasciano scadere per trarre il massimo profitto .sono cmq certo ,visto l'innalzarsi del livello qualitativo dei nuovi fabbricati(non tutti),che l'amministrazione sapra' mettere a frutto nel migliore dei modi questo tipo di contrattazione "privata".
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Messaggioda meccia » mer mar 05, 2008 3:20 pm

e voi che ne pensate?
(scusate: ma mi sembra che ultimamente la nostra piazza virtuale sia diventata uno "speaker corner" ed il vostro parere ....mi manca)
meccia
 
Messaggi: 2024
Iscritto il: mar gen 02, 2007 10:21 pm

Messaggioda andy2512 » gio mag 30, 2013 5:19 pm

Una breve e dettagliata descrizione delle case Walser a cura di una "vecchia inaspettata conoscenza"

====================================================================
Macugnaga - Le abitazioni Walser
di Beba Schranz


Il metodo costruttivo adottato a Macugnaga, una delle più antiche colonie Walser a sud delle Alpi,si attiene ad una tipologia di azienda casa rurale organizzata per funzioni separate, seguendo con
aderenza quella altovallesana- con la sola eccezione della mancanza della dispensa (der Speicher) isolata -: da un lato l'abitazione vera e propria e dall'altro la stalla/fienile (der Gade e
die Griech o die Griecho) e la costruzione necessaria alla battitura e la essiccazione della segale (der Stadel o der Stadal).
Le parti aziendali o rustici possono essere poste accanto all'edificio di abitazione o distante da esso anche di molto.

La stalla/fienile ha spesso base in muratura di pietra a secco o unita con malta, - anche se non mancano le stalle totalmente in legno - mentre il fienile sovrastante è sempre in legname - per la migliore aerazione e conservazione dl fieno - e realizzato con la tecnica ad incastro (Blockbau). Talvolta la sovrapposizione stalla/fienile avviene per appoggio lineare, talvolta ancora per
appoggio puntiforme, attraverso i pilastri detti anche "a fungo" lasciando un piano di intercapedine ventilata tra i 2 corpi. Il granaio ha la medesima struttura a blockbau già descritta per il fienile, ma poggia sul terreno attraverso grandi pilastri lignei rastremati verso l'alto, a cui è sovrapposta una larga pietra a gronda rovescia o "a fungo", cui si attribuisce funzione di
respingere la salita di piccoli animali e nello stesso tempo di impedire la risalita dell'umidità del terreno lungo il corpo del pilastro. L'altezza del pilastro è assai variabile, l'ingresso del granaio necessita comunque di una piccola scala provvisoria , oppure, esso avviene attraverso una scala esterna in pietra con un pianerottolo a sbalzo che assicura una discontinuità con la parte lignea.

L'abitazione vera e propria (das Hüs) si erge su una base in pietra contenente la cantina (der Chälder), che può essere frammentata in diversi piccoli spazi a seconda dei prodotti da conservare, e che contiene talvolta un ambiente per la lavorazione del latte.

Al piano superiore vi sono la cucina (das Firhus) e il locale di soggiorno collegati tra loro da una grande stufa di steatite (die Stube o die Stubu) posta a cavallo della parete divisoria, alimentata dalla cucina con la brace del focolare e irradiante calore verso il soggiorno , che per comprensibile identificazione con la fonte di calore, si chiama die stube. In esso è anche compreso lo spazio per il pranzo.

La separazione tra l'ambiente di cottura e quello per la consumazione del pasto potrebbe indicare una separazione organizzata tra questi due momenti del lavoro produttivo oltre a una netta distinzione dei ruoli maschili e femminili. La presenza di panche fisse intorno al fornetto della stufa nel soggiorno suggerisce una osservazione su un modo di consumare i pasti assai diverso da quello dei popoli romanzi e più antico presso i walser rispetto all'uso del tavolo e del desco comune. Il focolare è sacro perché è lo strumento che permette di conservare il fuoco, l'energia trasformatrice, e assume nella casa walser il ruolo dominante che in altre culture è rappresentato dal tavolo famigliare.
Attorno alla Stube si riunisce la comunità famigliare e amichevole per conversari, racconti e favole nelle lunghe sere invernali ma anche per un lento processo di assunzione del cibo contenuto nelle ampie scodelle di legno. Nello stesso locale trovano talvolta posto uno o due letti addossati al muro e in nicchia.

Al piano superiore si accede attraverso una scala che inizia nel locale cucina e sfocia in una loggia di disimpegno - presente in genere sui lati meglio esposti della casa - su cui affacciano le stanze da letto e la dispensa (der Fleischspicher), che è in genere posizionata in verticale sul focolare sottostante, per sfruttarne il calore e il fumo per l'essicazione della carne.
Qualche volta è pure presente un secondo piano in legno usato per riporre oggetti o attrezzi poco usati e su cui può essere spostato (der Fleischspicher).
Una descrizione della casa non è completa se non contiene almeno alcune notizie sugli arredi che vi sono contenuti specie quando - è il caso degli arredi walser- questi aprono ancora maggiormente spiragli di conoscenza dei modi di vita di questa popolazioni. I già citati letti addossati al muro in senso longitudinale e in "nicchia", che sono comuni sia a Macugnaga sia in altri
insediamenti walser, non sono presenti nell'arredo delle Valli romanze.

Conosciuti nella tarda latinità sembrano comunque di origine bizantina ed erano installati in stanze pluriuso, notte/giorno.


Tratto da:
Sportelli Linguistici Walser
Valsesia (Vercelli) - Valle Ossola (Verbano Cusio Ossola)
info@walser.it - www.walser.it
andy2512
 
Messaggi: 657
Iscritto il: mar ott 12, 2010 6:27 pm
Località: Piemonte


Torna a I Walser

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite